Sei attrazioni turistiche "a rischio" secondo Skyscanner

Una tipica auto di Cuba

Controverso articolo da Skyscanner, che ci elenca 6 attrazioni turistiche "in pericolo". Perchè le virgolette? Perchè almeno una di queste attrazioni è tale per noi visitatori, ma non certo per i locals (Cuba), altre sono da anni motivo di accese discussioni (Spagna e Amsterdam). Ad ogni modo a voi l'elenco e le considerazioni:

1) I taxi gialli di New York City: qui niente da dire, semplicemente la Ford ha dichiarato che cesserà la produzione dell'iconico modello che da anni è tra i simboli della Grande Mela.

2) Le corride: "dopo essere state bandite in Catalogna, potrebbe presto essere il turno del resto della Spagna". Ok, simbolo culturale di una Nazione, ma anche da sempre oggetto di molte polemiche.

3) I coffee shop di Amsterdam: si legge infatti che c'è una proposta del Ministro della Giustizia olandese che vieterebbe l'ingresso ai famigerati locali di Amsterdam ai turisti "al fine di promuovere una differente immagine della città". Come dire, il luna park è aperto ai soli residenti.

4) I Dodici Apostoli (Australia): Questa volta l'uomo non c'entra, i celeberrimi Apostoli sono infatti in pericolo a causa dell'erosione marina.

5) Cuba: c'è il rischio, dopo la morte dell'attuale leader Fidel Castro, che l'embargo USA cessi: questo significherebbe, cito l'articolo, "la fine del tipico fascino retrò di Cuba a causa delle orde di turisti americani". Ok, anche a me piacciono le vecchie auto e le case colorate di Cuba, ma vorrei sapere il parere dei cubani stessi al proposito...

6) Infine Venezia: motivo, l'abbassamento di ben 24 centimetri del livello delle strade e delle fondamenta nel corso di un secolo.

Foto | Kelp1966

  • shares
  • Mail