Al Sindaco di Ciampino non piacciono le nuove rotte, l'aeroporto deve chiudere

aerei a ciapino
Una settimana fa l'Enac aveva emesso il seguente comunicato (ancora on-line): "ENAC rende noto che oggi è stato emesso un nota – avviso al personale navigante – che prevede una nuova procedura di decollo dall’Aeroporto di Ciampino finalizzata a limitare l’inquinamento acustico sulle zone circostanti lo scalo. La nuova rotta prevede che gli aeromobili in decollo dal secondo scalo romano, prima di virare verso destra nella zona prossima all’abitato del Comune di Santa Maria delle Mole, dovranno raggiungere un’altezza di 1000 piedi e, comunque, non oltre le 2 miglia e mezzo dal VOR (Radiofaro direzionale) posto all’interno dello scalo di Ciampino."

Tutto risolto quindi? Manco pe' niente. commenterebbe un romano, visto che il sindaco di Ciampino, Walter Perandini, ribadisce che per la propria amministrazione, l'unica soluzione è quella di chiudere al traffico civile l'aeroporto di Ciampino, trasferendo tutti i voli a Viterbo. Quindi, contrariamente a quanto si poteva dedurre dal comunicato dell'ENAC la questione non è ancora risolta, e la palla torna sui tavoli delle amministrazioni (Regione piuttosto che ENAC), a meno che a decidere per tutti non sia il T.A.R..

Foto | WexDub.

  • shares
  • Mail