Enac ripristina la licenza di Air Italy, e British Airwyas denuncia il piano salva Alitalia

Mentre continua la telenovela sul salvataggio di Alitalia, con British Airways, che ha deciso di fare la parte del cattivo, denunciando il piano salva Alitalia alla UE, Meridiana ri - ottiene le licenze di volo di Air Italy.

Aereo AirItaly

L'Enac, lEnta Nazionale per l'Aviazione Civile, ha ripristinato la licenza di Air Italy, sospesa dallo scorso gennaio. Perché: la decisione è stata presa perché l'aumento di capitale della controllante Merdiana, e i risultati operativi dell'ultimo periodo, danno garanzie sulla ritrovata operatività della compagnia.

Ma la compagnia è Meridiana, visto che Air Italy è controllata al 100% dalla compagnia aerea fondata dall'Aga Khan. E Meridiana già dallo scorso marzo, da quando ha deciso la fusione delle due compagnie, ha rivestito gli aeri Air Italy con la livrea di Meridiana.

Importante: ma la decisione di ENAC è ancora importante per Meridiana, perché le permette di mantenere gli slot di Milano Linate, slot che sono contingentati. Anche Meridiana recentemente è stata ricapitalizzata, con 190 milioni di euro messi sul tavolo dall'Aga Khan, che in questo modo è tornato (alla grande) al timone della sua compagnia aerea.

Tra le destinazioni internazionali di Meridiana, segnalo Fortaleza, Fuerteventura, Tenerife, Male alla Maldive, Mauritius e Zanzibar, con quest'ultima che per gli italiani è diventa quello che una volta era Malindi in Kenya.

Salvataggio Alitalia


Sul fronte del salvataggio di Alitalia, mentre si attende di conoscere l'assetto del futuro CdA della Compagnia (Air France sottoscriverà l'aumento? Cosa faranno gli ex-capitani coraggiosi?), si accende la questione aiuti di Stato.

Ad innescare la miccia, questa volta è stata British Airways, che sostiene che l'entrata di Poste Italiane in Alitalia si configura come un aiuto di Stato. E per questo motivo chiede che intervenga la Commissione Europea ad impedire l'accordo. Più defilata per il momento la posizione di Lufthansa, forse perché in questo momento storico la Germania si è già fatta troppi nemici, per aprire un altro tavolo di confronto-scontro.

Da parte sua la Commissione, per ora, si è limita ad aspettare una formale comunicazione sui dettagli dell'operazione del Governo Italiano, che invece dal suo canto, spera di trovare al più presto un socio internazionale per Alitalia, che tolga le castagne dal fuoco a tutti quanti.

Qualcun altro, La Repubblica, intanto fa notare, che se tra gli aiuti statali, si considerano anche le spese messe in conto come "sviluppo rotte e marketing" effettuate dalle nostre Regioni per sviluppare il turismo locale, allora la fetta più grossa degli aiuti statali è quella di Ryanair; secondo il quotidiano, questa cifra si aggira intorno ai 100 milioni di euro.

Foto Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail