Vallo Alpino: i bunker museo dell'Alto Adige


A Merano ospiti per FeelGood (vedete qui su Ecoblog cosa abbiamo combinato), abbiamo avuto l'occasione di visitare uno dei 300 e passa bunker abbandonati da vent'anni dopo la fine della Guerra Fredda, con il crollo dei paesi socialisti (vedete qui il post su Artsblog, siamo stati in un bunker galleria d'arte veramente ricco di sensazioni). Terra di confine, l'Alto Adige ha vissuto una storia travagliata durante la guerra, e ne resta testimonianza nelle tante fortificazioni del Vallo Alpino, che qui aveva la sua parte Settentrionale.

Al giorno d'oggi solo pochissime di queste strutture militari sono state riconvertite al servizio della storia, dell'arte e del turismo. Restano creature del sottosuolo o giganti di pietra ormai silenziosi, ma interessantissimi da visitare, anche solo passeggiando per le valli senza meta. Sul web c'è molto materiale sul Vallo, a volte coperto da un'aura decisamente schierata dalla parte sbagliata della nostra Costituzione, a volte semplicemente prova di una passione genuina per la storia militare.

Detto questo, in quanto viaggiatori curiosi e amanti delle cose belle, vi proponiamo le mete con le quali scoprire questo lato segreto del Sud Tirolo:

  • Hansi Baumgarten stagionatura il formaggio nel suo bunker presso Rio di Pusteria
  • A Castel Corba (vicino ad Appiano), l'opera 45 è oggi un'enoteca.
  • Al Passo del Rombo, c'è il Mooseum che vedete in foto, dedicato alla storia delle miniere.
  • Al passo Palade c'è un museo sui popoli della montagna della Val di Non (link per il sito).
  • Vicino a Merano, si può visitare con la guida anche il Bunker di Tel
  • A Fortezza c'è un imponente costruzione fortificata (leggetene qui su Wikipedia), con un Forte asburgico che si può visitare anche lui su prenotazione (qui il sito ufficiale).
  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: