Cosa vedere in Sardegna: San Sperate, il paese-museo

San Sperate

A circa venti minuti dal porto di Cagliari, c’è un piccolo paese, San Sperate, che dagli anni ’60 ha iniziato la sua metamorfosi diventando sempre più simile ad un museo a cielo aperto. L’idea è nata da Pinuccio Sciola, pittore e scultore locale, che tornando nel suo paese natale nel 1968 e trovando un ampio consenso sia da parte dell’amministrazione locale che dei cittadini, ne ha iniziato la trasformazione.

Negli anni la cittadina sarda si è mano a mano arricchita di opere d'arte e, oggi, gironzolando per le vie e piazze del paese si possono ammirare molte pareti delle abitazioni affrescate (320 circa) con dipinti che raccontano “la locale cultura contadina e lo stretto legame con la terra, le tradizioni della Sardegna, la vita quotidiana e la storia antica e moderna”, numerose sculture in pietra (fra cui spicca il giardino megalitico) e una curiosa collezione di “pietre sonore”.

Se vi trovate da quelle parti nel mese di luglio potrete partecipare anche alla sagra delle pesche (dal 15 al 18) e al festival di cultura popolare “Cuncambias” (dal 25 luglio al 1 agosto).

Foto | S. Sperate.com

San SperateSan Sperate 2San Sperate 3San Sperate 4

  • shares
  • Mail