Shutdown USA, a New York chiude la Statua della Libertà

Turisti da tutto il mondo a New York per visitare la Statua della Libertà, sono trattenuti a terra. Spiacenti, la statua è chiusa per mancanza fondi.

Statua della Libertà chiusa

Diciamolo, non è un bel momento per le 800.000 persone rimaste senza lavoro negli USA, ma non è un bel momento neppure per i tanti turisti in visita a New York, che si trovano sbarrate le porte della Statua della Libertà, uno dei simboli della città, se non degli stessi Stati Uniti.

C'è chi non lo sapeva, c'è chi non capisce (il turista cinese che alle spiegazioni tecniche replica, "Ma da noi il Governo non chiude mai"), c'è chi si informa su come aver il rimborso per il biglietto comprato on-line, c'è chi impreca alla sfortuna, per il sogno di una vita infranto (e quando mai potrò tornare a New York?).

E così, invece di poter visitare e fotografare da vicino il simbolo della Libertà, ci si "accontenta" di fotografare il cartello che in Battery Park, annuncia la chiusura temporanea delle visite alla Statua. Non solo turisti però, ma anche tanti newyorchesi.



Non solo live, ma lo stesso ferale annuncio, tutto bordato a nero, con i colori del lutto, compare come splash page sul sito on-line della Statua della Libertà. Non solo la Statua della Libertà, ma anche Ellis Island, dove tanti italiani emigranti sono stati tenuti i quarantena, è chiusa. E il peggio, è che nessun si azzarda a far previsioni sulla possibile data di riapertura.

P.s. E' chiusa anche la prigione di Alcatraz a San Francisco, alcuni ed impostanti musei di Washington e tutti i parchi nazionali USA.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail