Tassa di soggiorno a Roma; giusta o sbagliata?


Parla come mangi e la gente ti capirà. Deve essere per questo motivo che il sindaco di Roma, illustrando la necessità di introdurre nuove forme di finanziamento per rimpinguare le casse comunali, ha dichiarato che A Roma non c’è trippa per gatti, che è il modo tutto romanesco per dire che mancano i soldi.

Fu Ernesto Nathan, leggendario sindaco di Roma nel 1907, ad annunciare così i primi tagli di bilancio. Nathan, alle prese con la necessità di risparmiare, si era imbattuto nella somma che il comune stanziava per sfamare i felini che albergavano tra i ruderi, spessa che fu eliminata. Quella decisione fu il simbolo di tutte le ristrettezze di bilancio. Panorama.

E siccome non c'è trippa per gatti, a pagare questa volta non saranno solo i romani, ma anche i turisti in visita a Roma, cui sarà applicata una tassa di soggiorno, che potrà arrivare anche a 10 euro per notte negli hotel extra lusso (per tacere dell'aumento dei diritti di imbarco in partenza dagli aeroporti di Roma). Che dire?

Foto ljcybergal | Kari_Marie | hslo.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: