Le destinazioni più pericolose del mondo, secondo il Los Angeles Times

Il Los Angeles Times ha realizzato una gallery delle destinazioni più pericolose del mondo, partendo dal fatto che tutti i luoghi teatro di guerra sono ben identificabili come "pericolosi", mentre ci sono altre insidie che non sono poi così evidenti e potrebbero anche sfuggirci. Ad esempio, Gansbaai, in Sudafrica, rientra a pieno titolo tra le mete più pericolose perchè le acque che la circondano sono infestate dagli squali bianchi; la regione è infatti ricca di foche e pinguini, che attirano orde di grandi squali bianchi, rendendolo, al tempo stesso, un luogo molto popolare per i visitatori che vogliono vedere da vicino quei predatori.

Tra le altre mete pericolose troviamo l'intera Australia, per tutti gli animali mortali che vivono lì, tra serpenti, ragni, meduse cubo e coccodrilli; lo Zimbabwe per l'alto numero di decessi causati da malattie infettive e parassitarie; la città di Memphis, nel Tennessee, perchè si trova su una faglia ad elevato rischio sismico e nel contempo non ha edifici a norma per resistere a un terremoto violento; la città di Weslaco in Texas, perchè, secondo il neighborhoodscout.com, qui hai una possibilità su 12 di essere vittima di un reato.

L'elenco non vuole farci desistere dal fare un bel viaggio in uno di questi posti (è impensabile rinuciare a visitare l'intera Australia!) ma può essere un utile promemoria per evitare, o magari semplicemente tenere in considerazione, i rischi che possiamo correre quando ci troviamo in viaggio in una di queste zone.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: