Enac: nuovi aeroporti non necessari

Un aeroporto in miniatura

Vito Riggio, presidente dell'ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile), ha dichiarato ieri in una intervista di essere assolutamente contrario all'apertura di nuovi aeroporti: secondo Riggio quelli presenti sul territorio nazionale sono più che sufficienti.

E proprio in merito agli aeroporti esistenti, l'ENAC incalza dichiarando che sono necessari nuovi investimenti per adeguare le strutture al traffico aereo in costante aumento: si parla quindi di un aumento delle tariffe aeroportuali, un aumento modico, pari a circa 3 euro per passeggero, che porterebbe però nelle casse degli aeroporti più grandi svariati milioni di euro annui.

Non voglio assolutamente entrare nel merito della questione dal punto di vista economico, dopotutto sono un "viaggiatore" e non un operatore del settore: ma appunto, da viaggiatore, credo che se si voglia puntare sugli aeroporti esistenti si dovrebbero migliorare le reti di trasporto da e per gli scali e la copertura nazionale dei voli, anzichè puntare sul classico duopolio Milano - Roma. Nell'era delle low cost e della globalizzazione come è possibile spendere 40/50 euro solo per arrivare all'aeroporto (vedi che so, taxi Milano - Malpensa o treni Napoli - Fiumicino), o dover percorrere 300/400 km per recarsi all'aeroporto con il volo che ci occorre?

Via | Corriere.it
Foto | {Away until inspiration comes}

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: