In previsione del prossimo blocco dei cieli, Alitalia mette a disposizione dell'Enac i propri aerei per controllare la nube di cenere

Previsioni ceneri per mercoledì 12
Come si vede dall'elaborazione del MetOffice britannico, che si riferiscono alle 00:00 di mercoledì 12 maggio, le notizie sulla nube di cenere prodotte dal vulcano islandese non sono delle migliori; aspettando le comunicazioni ufficiali dell'Enac, quello che si intuisce è che la cenere questa volta dovrebbe interessare non solo il nord Italia (dove dovrebbe arrivare questo poemriggio), ma ance il centro, arrivando probabilmente ad interessare anche Roma.

Se il blocco di domenica mattina, il secondo da quando sono iniziati i fenomeni eruttivi, ha tenuto a terra 137 voli (e si sarebbe potuto limitare ancor di più gli inconvenienti con una corretta e tempestiva informazione), si teme che il prossimo produrrà ancor maggiori disagi per i viaggiatori (e perdite economiche per le compagnie), visto che le previsioni indicano che la nube di cenere dovrebbe interessare il nostro paese per 3-5 giorni.

Per cercare di cambiare il finale ad un film già visto, l'Alitalia ha comunicato al Ministero dei Trasporti, all'ENAC ed all'ENAV la propria disponibilità di mettere a disposizione i propri aerei, e piloti, per effettuare voli di ricognizione nelle cieli dove si prevede passerà la nube, per raccogliere dati oggettivi sulla presenza di ceneri. A questo punto non resta che aspettare le decisioni delle autorità compententi, con la speranza che siano tempestive.

  • shares
  • Mail