Riprendono gradualmente i voli dalle 8 di questa mattina, ma in Islanda si sta formando un'altra nuvola di cenere


Il video è stato girato sabato scorso, intorno all'una e mezza, nel sud dell'Islanda, lungo la strada tra le cascate Skógafoss e Skógar; circa 18 chilometri di buio assoluto dovuto alla nube di cenere. Veramente impressionate e in qualche modo claustrofobico.

L'ultimo comunicato dell'Enac ci informa che a partire dalle 8 di questa mattina i cieli italiani saranno gradualmente riaperti ai voli, iniziando da quelli che operano sulla direttrice da nord a sud (e viceversa). La brutta notizia è che questa ripresa dei voli non è definitiva, dovendo l'ENAC monitorare costantemente i voli, per prendere poi le opportune decisioni. Insomma si naviga a vista.

L'Altra brutta notizia, che ci arriva dal centro meteo britannico, e che si sta formando un'altra nube di cenere, in seguito a nuovi e rilevanti fenomeni eruttivi del vulcano; staremo a vedere dove si dirigerà.

Video di icelandreview.com caricato su Youtube.

Intanto la nuvola si sta dirigendo anche sull'altra sponda dell'Atlantico, per cui dovremo attendere anche le eventuali decisioni delle autorità canadesi e statunitensi. Che il problema sia reale, e non immaginario, lo dimostrano due atterraggi di emergenza verificatisi ieri, che hanno interessato un caccia F-16 della nato, ed un aereo civile norvegese, con 17 aerei a bordo; per fortuna in entrambi i casi, gli aerei sono atterrati, nonostante avessero riscontrato anomalie, probabilmente dovute alla cenere.

  • shares
  • Mail