In giro per Hell's Kitchen a New York

Hell's Kitchen
Quasi tutte i turisti a zonzo per le strade di New York, ricordano la loro prima visita a Times Square. Le luci al neon lampeggianti, folle di persone ai quattro lati delle strade, grandi megastore, e magari anche il cowboy nudo in mezzo alla strada. Probabilmente la gran parte di questi turisti avrà evitato di tornare a Times Square, e nelle zone circostanti, che i newyorchesi conoscono come Hell's Kitchen, ma è un peccato.

Nonostante il suo nome poco invitante, la cucina del diavolo, non siamo in una baraccopoli nel centro di Manhattan. In realtà, si tratta di un zona con tonnellate di ristoranti, bar e teatri. Siamo nella zona compresa tra 34° e la 57°, in quella che è, od è stata, la casa di celebrità come Madonna, Bob Hope, Jerry Seinfeld, e Sylvester Stallone. Innumerevoli sono stati i romanzi che sono stati ambientatinel quartiere, come Sleepers, Ball Sinners 'e Old Flame. Insomma un giro per Hell's Kitchen, dovrebbe stare nelle liste di cose da fare di ogni turista in visita alla grande mela.

Tratto da Newswine.
Foto | Americasroof su Wikimedia Commons.

Ovviamente si inizia visitando la storica Radio City Music Hall (1260 Avenue of the Americas), una delle principale attrazioni turistiche di Manhattan, che con l'annuale e tradizionale show Radio City Christmas Spectacular, attira folle di visitatori, in visibilio per le evoluzioni dei Rockettes. Anche se non si entra nel Radio City Music Hall per assistere ad uno spettacolo od ad una premiere, una foto davanti al suo famoso neon è quasi d'obbligo.

Se vi interessa più la TV che gli spettacoli di Broadway, potete provare ad ottenere i biglietti gratis per assistere a "The Colbert Report", un programma televisivo che prende pesantemente in giro i giornalisti, che si gira al 513 di W 54th Street. Oltre a ciò che poi andrà in onda, si può assistere ad un divertente warm-up comico (per riscaldare il buon umore) prima che lo show vero e proprio sia girato. Ma se siete timidi, forse è meglio non sedersi nelle prime file, e rischiare così di essere coinvolti nello show.

Il BB King Blues Club and Grill è un locale grande (550 posti), che regolarmente ospita i grandi nomi dello show business. Nonostante il suo nome, non solo il blues trova asilo in questo ristorante, dove anche il pop, rock e il funk sono di casa. Entrando, oltre ad un conto non proprio economico, si rischia di assistere alla performance della prossima stella delle notti newyorchesi.

Altro ristorante acchiappa turisti è il Johnny Utah (25 W 51st Street), dove si formano lunghe file di persone ansiose di farsi sbattere per terra dal primo toro meccanico della città. Il cibo non è nulla di spettacolare (se non avete problemi di colesterolo, ordinate i fritti), ma il Johnny Utah è ottimo se non avete intenzione di dissanguare il portafoglio per una cena, e volete rilassarvi in una zona interessante della città.

In"West Side Story", Hell's Kitchen era descritto come un quartiere turbolento, ma dopo un giro nel quartiere, vi renderete conto che la sua reputazione ormai è solo storia, e che oggi la realtà è più legata a ville di lusso, ristoranti e boutique alla moda.

  • shares
  • Mail