Strani hotel: dormire in una vecchia prigione

Gli antri oscuri e minacciosi delle galere diventano confortevoli camere, conservando però quell’atmosfera un po’ da film che rende senza dubbio il soggiorno speciale. HostelsClub.com presenta così la sua top ten degli alloggi ricavati all'interno di vecchi istituti penitenziari, per chi vuole pernottare in un luogo singolare mentre di giorno esplora una bella città europea.

Si parte dalla Slovenia: a Lubiana c'è il Celica, una vecchia prigione rinnovata e trasformata in un ostello: 20 celle in tutto, artisticamente rinnovate, rendono il Celica un economico capolavoro, di cui vedete le immagini nella gallery.

Se passate da Stoccolma, magari per un Millenium Tour, avete l'imbarazzo della scelta in quanto a sistemazioni originali: ci sono l'Eco Lodge Kolarbyn, il Jumbo Hostel, il veliero Chapman o il Långholmen Hotel, ricavato nel vecchio penitenziario. Restiamo in Svezia, a Falun, per il Falu Prison Hostel: base ideale per visitare l'antica città di legno e l'incantevole regione del Dalarna. Ma lo stesso ostello Falu è una sopresa da scoprire tanto che i gestori organizzano tour della prigione, che è stata operativa dal 1850 al 1995.

Anche in Italia c'è un ostello-prigione: si trova a Biella ed è stato inaugurato nel 2008 dopo la ristrutturazione dell’ex penitenziario seicentesco del Piazzo. La posizione dell'ostello di Biella è veramente suggestiva: si trova infatti nel Corso del Piazzo e si affaccia su una piazzetta di questo borgo.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO