Sicurezza all'Aeroporto di Fiumicino: ADR risponde a l'Espresso

Il giornalista dell'Espresso non ha dovuto togliersi le scarpe per non far rumore, mentre di notte girava indisturbato un video all'interno dell'aeroporto di Fiumicino. Per ben due notti ha passeggiato tranquillamente negli spazi del terminal T3, quello dei voli internazionali, con una videocamera, documentando il suo giretto. Nel reportage il giornalista, Tommaso Cerno, ci racconta che volendo avrebbe potuto lasciare qualcosa dopo il gate di sicurezza e recuperarlo tranquillamente il giorno dopo, avendo passato i controlli magari con solo i biglietti aerei in mano.

Il direttore dell'Aeroporto, Vitaliano Turrà, è subito intervenuto negando che esista un problema di sicurezza e inviando una dettagliata relazione all'ENAC. Io spero che sia tutto a posto, anche se la spiegazione sulla porta allarmata che non si allarma, mi sa tanto di scarica barile; ma quello che non mi è piaciuto è la minaccia di ricorrere alle autorità giudiziarie per verificare se ci siano stati "danni all'immagine dell'azienda e all'intero sistema aeroportuale italiano".

Personalmente preferisco se alle critiche sulla sicurezza si risponde puntualmente (come in effetti in parte è stato fatto), piuttosto che lanciare minacce che lasciano domande senza risposte.
Foto | nenuache.

  • shares
  • Mail