Kekova - Caravola, l'ultimo paradiso dei divers in Turchia

L'isola di Kekova - Caravola in Turchia

L'isola di Kekova, o anche Caravola visto che per qualche hanno ha fatto parte del Regno d'Italia, è diventata uno dei luoghi preferiti dagli amanti delle immersioni, che sempre più spesso, si organizzano per fare tappa in queste acque, durante le crociere lungo le coste turche; anche solo per un giorno.

La grotte di Kekova l'anno scorso hanno attirato grotta circa 800.000 persone. Appassionati professionisti, e non, sono attirati dalle belle sottomarine, dalla grande varietà di pesci e piante di quest'isola, che offre, anche i resti dell'antica città di Apollonia.

E' bene comunque affidarsi alle guide locali, che partono dal vicino porto di Çayağzı; sia perché parte di questo mondo sommerso è protetto come riserva marina turca, sia perché si rischia di perdersi l'immersione migliore. Altrimenti come scegliere tra un'immersione al Faro, al posto di Sakar, alla Grotta Azzurra o all'Antro, lungo 72 metri?

Kekova, chiamata anche Caravola, è un'isola turca posta a sud del villaggio di Kaleköy (chiamato anche Simena). Kekova copre un'area di 4.5 km² e non è abitata. Dopo l'occupazione italiana di Castelrosso, Kekova fu disputata fra l'Italia e la Turchia. La Convenzione fra i due stati firmata nel 1932 ad Ankara la assegnò alla Turchia. Sul lato settentrionale dell'isola si trovano le rovine parzialmente sommerse di Apollonia, un'antica città distrutta da un terremoto durante il secondo secolo d.C. Ricostruita ed ancora fiorente durante l'età bizantina, essa venne definitivamente abbandonata a causa delle incursioni arabe. Wikipedia.

L'isola di Kekova - Caravola in Turchia
L'isola di Kekova - Caravola in Turchia
L'isola di Kekova - Caravola in Turchia

Vedi anche A Bodrum e tra le Isole Greche in caicco, una crociera in caicco lungo le coste della Turchia, e sulla spiaggia delle Tartarughe a Daylan in Turchia.
Foto Alessandra Kooman.

  • shares
  • +1
  • Mail