Ricordate il conto da 695 euro a Roma? I turisti truffati dicono no al risarcimento del Ministro Brambilla




Ricordate al sotria che vi abbiamo raccontato qualche tempo fa, dei due turisti giapponesi che si sono visti consegnare un conto di 695 euro, 579,5 per il pasto e 115, 50 per la mancia, dopo aver mangiato al ristorante Passetto di Roma ? La storia ha avuto una vasta eco da noi, ma ancor più in Giappone, tanto da meritare l'attenzione del nostro ministro per il turismo Michela Vittoria Brambilla.

Il Ministro infatti, per mettere una pezza all'ennssima brutta storia che ha danneggiato la nostra immagine, il cosidetto "marchio Italia", che dovrebbe spiegare il sovraprezzo che i turisti di tutto il mondo pagano per visitare il Bel Paese, ha proposto alla coppia di giovani (si conosce solo il nome di lui, Yasuyuki , 35 anni) di tornare in Italia in vacanza a spese del governo italiano.

Ma i due, probabilmente complice la proverbiale riluttanza ad apparire in pubblico dei giapponesi, hanno ringraziato e cortesemente declinato l'offerta, perchè inutile e fatta con le tasse del popolo italiano. Nessuna polemica però, perchè come ha dichiarato Yasuyuki , Tutto sommato il viaggio in Italia è stato bello. Certo che mi piacerebbe visitare ancora l'Italia, a mie spese".

Yasuyuki, non solo pensa di tonare da noi, ma cerca anche di minimazzare, quando dice "C'èla percezione che in Italia ci siano truffe a danno dei turisti nella convinzione che non tornino più. E' un peccato, ma vorrei che finissero quei commenti severi che si possono trovare su Internet: ripeto, come in Italia, le truffe esistono ovunque". Che dire? Speriamo che torni e che nel frattempo qui le cose siano cambiate un po'.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: