Il decalogo salva spiaggia del Ministero dell'Ambiente

Spiaggia sporca

A me sembra così ovvio che ho avuto una reazione del tipo "Ma per chi mi hanno preso? Non sono così irresponsabile" (in effetti ho usato un termine più coloriti). Poi ci ho pensato su, mi sono ricordata di come ogni anno sono ridotte le spiagge del litorale romano dopo il 1° maggio, ed ho capito che questa volta hanno ragione quelli del Ministero. In tema di comportamenti "ambientali " siamo ancora all'ABC, come dei bambini, per cui riporto integralmente il decalogo 'Salva-spiaggia' preparato dal ministero dell'Ambiente, senza altri commenti, se non l'idea di provare a diffonderlo il più possibile.

1. Rispetta la spiaggia, il litorale, la flora e la fauna delle coste del mare.
2. Non lasciare rifiuti sugli arenili e sugli scogli
3. Nelle spiagge libere, porta un sacchetto di plastica per gettare i rifiuti.
4. Per smaltire i nostri rifiuti alla spiaggia servono 2 mesi per un torsolo di mela, 5 anni per una gomma da masticare, 300 per una bottiglia di plastica e 2000 per una di vetro.
5. Separa vetro, acciaio, alluminio, plastica e carta.
6. Usa shampoo e bagnoschiuma solo nelle aree-doccia specificatamente attrezzate
7. E' vietato navigare a motore entro 300 metri dalla riva e 200 dalle scogliere.
8. Non disturbare i vicini di spiaggia con giochi rumorosi né con musica ad alto volume.
9. Non fare il bagno se c'é bandiera rossa sulla spiaggia
10. Insegna ai bambini ad amare il mare e a divertirsi sulla spiaggia, ma tienili sempre d'occhio.

Via Ansa.
Foto | macieklew.

  • shares
  • Mail