Ponte del 2 giugno, è Venezia la città più cara d'Italia



Avete deciso di trascorrere in Italia il ponte del 2 giugno? Ebbene, magari potrebbero risultarvi utili i risultati dell'indagine effettuata dal Codacons sulle città italiane più care proprio in occasione del ponte. Sono state scelte tre città d'arte (Roma, Firenze e Venezia) e cinque rinomate località di mare (Porto Cervo, Portofino, Ischia, Capri e Taormina). Al primo posto, considerando un pernottamento di due giorni (30 e 31 maggio) in camera doppia con colazione inclusa, in hotel a 4 stelle in zona centrale, si piazza Venezia con un prezzo di 289,5 euro, seguita da Portofino 240, Roma 231, Ischia 220, Taormina 209, Porto Cervo 203, Capri 200 e Firenze con 165 euro.

Per il Codacons "Il capoluogo lagunare si conferma ancora in testa alla classifica delle città più costose d'Europa sul fronte del turismo specie se alle tariffe degli alberghi si associano anche i prezzi delle strutture di ristorazione come bar e ristoranti, dove le tariffe sono notoriamente più elevate rispetto alle altre città d'Italia e dove ai turisti si applicano prezzi maggiorati". Claudio Scarpa (direttore dell'Ava, l'associazione veneziana albergatori) respinge le accuse dell'associazione dei consumatori, secondo cui Venezia è la città più cara d'Italia per il ponte del 2 giugno, e anzi sottolinea che la crisi si sente, al punto che proprio in questi giorni "si sta trattando la prima cassa integrazione in deroga per un albergo veneziano del settore lusso".

Il 2 giugno, sottolinea Scarpa, "é il momento di picco più alto del mercato turistico per Venezia, perché c'é un super ponte che coincide con la settimana di inaugurazione della Biennale". "Ci mancherebbe altro che i prezzi non fossero adeguati alla circostanza - prosegue Scarpa - Codacons semmai dovrebbe porsi il problema che i primi quattro mesi dell'anno hanno avuto a Venezia una diminuzione del 21% di fatturato degli hotel, rispetto al 2008".

Voi che ne pensate? Andreste a Venezia per il ponte del 2 giugno?

Via - Ansa

Foto - Flickr

  • shares
  • Mail