Sulle orme del Papa in Terra Santa a Madaba in Giordania

Madaba

A Madaba, in Giordania, nella chiesa ortodossa di San Giorgio, si trova una mappa-mosaico (nella foto) che risale al VI secolo ed è la più antica mappa religiosa della Terra Santa giunta fino a noi. Dopo 9 anni dalla visita di Giovanni Paolo II, che arrivò in pellegrinaggio in Terra Santa nel 2000, anche Benedetto XVI, con il suo prossimo viaggio in programma a maggio di quest'anno, vuole ribadire quel messaggio di tolleranza e pace, visitando i luoghi simbolo del Cristianesimo; Betania, Monte Nebo e Madaba.

Madaba e dintorni vengono citati più volte nell'Antico Testamento. Allora conosciuta con il nome di Medeba, se ne parla a proposito di Mosè nell'Esodo, della guerra di Davide contro i Moabiti, della profezia di Isaia contro il Moab e della ribellione di Mesha, re del Moab, contro Israele. Tra il IV e il VII secolo d.C., il prospero centro religioso di Madaba produsse una delle collezioni di mosaici bizantini più importanti al mondo, e molti esempi di quest'arte sono ancora ben conservati. Le pavimentazioni a mosaico di molte chiese sono ancora visibili nei siti originali, mentre altre sono state rimosse e si trovano ora al Parco Archeologico di Madaba.

Foto | MykReeve

  • shares
  • Mail