I festeggiamenti per Capodanno nel mondo

Fuochi d'artificio a New York

Paese che vai, usanze che trovi, si dice, e questo vale anche per la notte di Capodanno, dove in tutto il mondo si festeggia l'arrivo del nuovo anno tra auguri e buoni propositi.

I primi a festeggiare sono i neozelandesi, ma i loro "vicini" australiani sono più festaioli: chi non ha mai visto in tv gli splendidi fuochi che illuminano, alla mezzanotte, la baia e il porto di Sidney, l' Harbour Bridge e l' Opera House?

Ad Edimburgo, in Scozia, invece, i festeggiamenti durano fino a quattro giorni, tanto dura infatti l' Hogmanay, "il miglior party di fine anno del mondo", come si legge sul sito dell'evento.

A Rio de Janeiro e in tutto il Brasile, invece, d'obbligo sono i fuochi d'artificio, magari sulla spiaggia, e i festeggiamenti dedicati alla Dea africana del Mare, Iemanja.

Cambiamo ancora continente, e spostiamoci in Africa, dove a Città del Capo il "Cape Minstrels Carnival", il carnevale del nuovo anno, per tutto gennaio, tutti i sabati, riempie le strade della città con sfilate di carri e costumi.

Anche a Nassau, nelle Bahamas, festeggiamenti in maschera al Junkanoo Festival, mentre festeggiamenti più "sobri" si tengono a Kyoto, in Giappone, dove ci si prepara a festeggiare Toshigami, il Dio del Nuovo Anno e i monaci buddisti danno il benvenuto al nuovo anno con 108 rintocchi delle campane dei loro templi.

Decisamente più vicini alle nostre tradizioni i festeggiamenti di Vienna, dove la campana della Cattedrale di S. Stefano sancisce l'arrivo del nuovo anno, con festeggiamenti in piazza e concerti negli innumerevoli teatri della capitale. Scenario simile a Parigi, dove il palcoscenico è l' Arco di Trionfo e gli Champs Elysees, oltre ai fuochi che si vedono salire in cielo alle spalle della Tour Eiffel. E non può mancare all'appello uno dei posti "simbolo" dei festeggiamenti per il nuovo anno, Times Square a New York, dove ogni anno il countdown coincide con l'arrivo della "New Year's Eve Ball" e finisce con fuochi d'artificio spettacolari.

Foto | Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail