Guida TripAdvisor alle vacanze ecologiche

Isole VerginiDove andare, cosa fare e dove alloggiare per una vacanza ecosostenibile? Si può scaricare gratuitamente la Guida alla vacanza ecologica di TripAdvisor, ormai una garanzia con i 25 milioni di viaggiatori che visitano il sito ogni mese. Chissà quanti tra i lettori di questo blog hanno lasciato recensioni e stroncature sulle sue pagine.

La guida, solo otto pagine in interazione col sito grazie ai collegamenti ipertestuali, suggerisce mete e consiglia abitudini ecosostenibili. Così si scopre che in Kenya c'è una lussuosa proprietà dei Maasai, Campi ya Kanzi, che ha vinto numerosi premi per l’ecocompatibilità, dato che tutta l’elettricità proviene dai pannelli solari e il riciclaggio è di casa. Oppure che non è caro il soggiorno nelle tende ecologiche alimentate da energia eolica e solare a Saint John, nelle Isole Vergini:

"Era come stare in un campeggio in versione elegante con i comodi gabinetti a compostaggio, la doccia e il frigorifero ad energia solare", riferisce un viaggiatore del Maine. Esistono poi alloggi ecosostenibili anche nelle grandi città. A San Francisco, l'Orchard Garden Hotel è dotato di un sistema d’illuminazione a basso consumo, tessere magnetiche che impediscono il dispendio di elettricità e l’utilizzo di prodotti per la pulizia senza componenti chimici.



Ci si sente tutt'uno con la natura al Daintree Eco Lodge, nella foresta pluviale australiana patrimonio dell'umanità, ma il paradiso degli ecologisti sfegatati, pare sia il Costa Rica, dove il governo ha pensato da tempo una certificazione del turismo sostenibile con cui classifica gli hotel e valuta il rispetto dell'ambiente. Si trova a Kerala, in India, Friday’s Place che vanta una minima impronta di carbonio, ricava l’energia dal sole e fa del compostaggio in loco una virtù.

Tra i consigli, che sembrano scontati ma non lo sono, quello di comprate il cibo al mercato, visto che molti alberghi non ne approfittano e importano la maggior parte del cibo che impiegano. Invece, tra le cose da evitare, non ci si deve vergognare di chiedere agli artigiani o ai proprietari dei negozi quali siano le loro pratiche equo e solidali e sostenibili. Solo un'ultima cosa, che la guida mette in prima pagina: pensate prima di stampare, e nel caso fatelo su entrambi i lati del foglio.

Foto | Flickr

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 3 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO