Una vacanza da Robinson Crusoe sulle isole della Bretagna

Un'avventura inedita, un'esperienza intima lontana dalla massa, una fuga dal continente anche soltanto di poche centinaia di metri.

Tutto questo, e pure qualcos'altro, è possibile sulle isole che la Bretagna mette a disposizione dei turisti più curiosi ed intrepidi. Quattro sono le possibilità di trascorrere una vacanza in luoghi originali quanto indimenticabili.

La casa del guardiano del faro sull'isola Louet: aggrappata alla roccia su un'isolotto roccioso a 350 metri dalle coste di Carantec, la casa è stata ristrutturata e può ospitare fino a 10 persone (una comitiva di Robinson). Sulla grande terrazza esterna un barbecue scavato nella roccia è pronto ad accogliere fuoco, legna e pesce fresco dell'oceano per le vostre cene sotto le stelle. L'isola è accessibile con un battello e l'affitto (possibile dal 30 marzo al 31 ottobre) costa 196 euro per una notte e 326 per due.

Il forte del Petit Bé a Saint Malo: di fronte alla celebre città dei pirati un grande scoglio protegge dal mare questo edificio militare costruito dal grande architetto Vauban nel XVII secolo. Restaurato da cima a fondo dopo 150 anni di abbandono, il forte ora è pronto ad accogliere fino a 10 persone, oppure una sola coppia con qualche evento da festeggiare in modo originale.

L'isola di Milliau, di fronte alla costa di granito rosa, era abitata già nel Neolitico. Oggi vi attende - da aprile a settembre - con ben 17 posti letto distribuiti se 3 edifici in pietra molto bretoni.

L'isola di Quéménès, infine, è un luogo di cui abbiamo già scritto. Lì c'è una fattoria tutta particolare che ha interrotto decenni di abbandono dell'isola rendendola di nuovo abitata, almeno per 7 mesi all'anno. Quéménès si presta ad essere il posto giusto per una vacanza disintossicante dalla tecnologia, dato che che non ci sono tv né internet.

Foto | Fernandel22

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 12 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO