Elezioni USA: esultano anche gli abitanti di Obama (Giappone)



In Giappone ci sono molti piccoli villaggi di pescatori, ma solo uno di questi, il più fortunato al momento, ha lo stesso nome del nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America: Obama, che in giapponese vuol dire “piccola spiaggia”.

In questo paese, che conta poco più di 32.000 abitanti, è famoso per la produzione delle bacchette (i bastoncini usati come posate) e anche perché ha la più vasta concentrazione al mondo di centrali nucleari, si sono ritrovati tutti a festeggiare con grande entusiasmo i risultati dell’Election Day. Infatti, già per tutto il periodo della campagna elettorale americana (in questo divertente video potete vedere l’impegno che hanno messo per sostenere il loro omonimo) il tranquillo paesino aveva registrato un vero e proprio “boom turistico”, tanto che si parla addirittura di un incremento del 20%!

La cosa curiosa è che la pubblicità alla cittadina giapponese pare sia partita proprio dal nuovo Presidente americano che un paio di anni fa ha raccontato alla stampa un simpatico aneddoto: si trovava in Giappone e all’aeroporto un funzionario doganale, vedendo il suo passaporto, gli aveva fatto notare che in Giappone c’era un paese che si chiamava proprio come lui, al che Barack gli aveva risposto scherzando che era originario proprio di Obama.

Se l’omonimia vi ha incuriositi e avete in programma un viaggetto in Giappone, tenete presente che da Tokyo ci vogliono circa 5 ore per andare a vedere Obama city. Ne servono invece circa 12 di volo e delle ottime conoscenze per l’Obama in carne ed ossa!

Foto - Flickr

  • shares
  • +1
  • Mail