Il Sud, la grande illusione del turismo italiano: i numeri del fallimento della nostra California

Da "California d'Italia" a "grande illusione del turismo italiano", sembra questa l'involuzione del sistema turistico delle regioni del sud Italia.

Almeno stando ai dati pubblicati dal Corriere del Mezzogiorno prendendo spunto dal rapporto del centro studi del Touring club italiano e dal Rapporto sul turismo italiano 2013 di Mercury. Il quadro che emerge sembra delineare un declino inarrestabile delle potenzialità turistiche del Mezzogiorno, quasi vittima di una maledizione che impedisce di valorizzare le ricchezze turistiche e ambientali di cui dispone.

Vediamo i numeri. Su 380 milioni di presenze in Italia solo il 20% si concentra nel Meridione. Su 100 presenze straniere in Italia, solo 13 sono al Sud. I turisti internazionali hanno speso nel nostro Paese oltre 32 miliardi di euro nel 2012, ma di questi appena 4 sono andati a beneficio del Mezzogiorno: 1 miliardo e 419 milioni in Campania, 580 milioni in Puglia, 1 miliardo e 41 milioni in Sicilia e 145 milioni in Calabria. Allo stesso tempo i turisti stranieri hanno speso 5 miliardi e 304mila euro in Lombardia, 5 miliardi in Veneto, 3 miliardi e 600mila euro in Toscana e 5 miliardi e 386mila euro nel Lazio. Dei 146 milioni di passeggeri transitati negli aeroporti italiani nel 2012, solo 34 milioni sono andati nel Meridione.

E ancora. Il Mezzogiorno può contare su appena il 12.9% di presenze straniere, e non è amato neppure dagli italiani, registrando appena il 17.4% di presenze dei residenti delle altre regioni. Il nostro Sud può contare su tre quarti delle coste italiane, ma ha 7.730 vacanzieri per chilometro, a fronte dei 201.235 del Nord Est, dei 42.066 del Nord Ovest (Liguria) e dei 32.716 del Centro, per una media del Centro-Nord di 67.118 turisti ogni chilometro di costa. Quindi il turismo balneare nel Mezzogiorno ammonta al 24.7% del totale: al Centro è al 21.7%, nel Nordest al 10%, nel Nordovest al 43.6%.

Secondo voi quali sono le ragioni di un fallimento tanto colossale?

Leggi anche: Napoli accogliente: cartelli manomessi per intrappolare i turisti, Gira e rigira ti stupisce sempre: la nuova campagna di promozione turistica della Calabria, Topi morti, liquami e alga tossica: l’estate nera delle spiagge napoletane, Perché la Reggia di Carta perde 50mila visitatori ogni anno, La Reggia di Carditello a Caserta: uno dei monumenti italiani peggio tenuti.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 80 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO