New York: i segreti di Central Park

Pensate di conoscere alla perfezione ogni angolo più nascosto ed ogni segreto più recondito della città di New York? Forse Untapped cities vi farà cambiare idea...

Infatti proprio Untapped Cities ci spiega che all'interno del celebre Central Park esistono diversi angoli segreti e attrazioni che i turisti meno avveduti rischiano di perdersi, anche a causa della rilevante estensione del parco stesso. Si parte dal bosco chiamato The Ramble, con una lunga passeggiata sotto gli alberi che permette di trovare riparo dal caos cittadino. Segue la Caverna indiana, ricavata da una caverna naturale ritrovata durante i lavori di allestimento del parco. Ad oggi solo le vecchie scale di accesso sono visibili dato che l'interno è stato murato perché vi erano stati commessi troppi crimini.

The North Woods è un'altra zona boscata del parco in cui però la natura viene lasciata al suo corso, con alberi caduti e non rimossi e uno sviluppo della vegetazione più spontaneo. Questa impostazione fu voluta per ricordare la natura incontaminata dei monti Adirondacks. Le cascate: ce ne sono almeno 5 nel Central Park. L'acqua che vedrete scorrere è quella potabile che alimenta l'acquedotto e sedendovi ad ascoltare il suo rumore vi dimenticherete di essere nel mezzo di Manhattan. Le grandi rocce su cui giovani e adulti si siedono a riposare o si arrampicano sono la componente più antica del CP, dato che si tratta di formazione preistoriche vecchie di circa 450 milioni di anni. Gli alberi storici: i primi rami a fiorire in primavera sono quelli dei ciliegi Yoshino, che furono donati agli States dal Giappone nel 1912. La lista si chiude con il pergolato di glicine, un patio coloratissimo e profumato sotto cui passeggiare nelle tiepide giornate primaverili.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail