Al via il 52° Festival d'Israele dal 23 maggio al 22 giugno

Il 52° Festival di Israele comincia domani 23 maggio e dura fino al 22 giugno. Tre settimane dedicate alle arti dello spettacolo con diversi eventi di danza, teatro, jazz, musica classica, israeliana e mondiale, con artisti internazionali ed israeliani.

festival d'israele

Il Festival d’Israele di Gerusalemme ha avuto inizio nel 1961 con pochi concerti di musica classica a Cesarea ed è divenuto nel tempo non solo uno degli eventi più importanti nel calendario culturale di Israele, ma anche un festival di fama internazionale. Questo il sito ufficiale.

jerusalem festival israele

Gli spazi scelti per gli eventi in programma sono ovviamente alcune delle attrattive storiche della città di Gerusalemme, tra cui la Torre di Davide, la Colonia dei Lebbrosi di Gerusalemme, la rinnovata prima stazione ferroviaria di Gerusalemme, la Piscina del Sultano e Ein Kerem, così come il Teatro di Gerusalemme, il Gerard Behar Center, il Mamilla, la YMCA e Beit Shmuel.

gerusalemme

Tali luoghi riflettono la vivace varietà della vita culturale di Gerusalemme, che abbiamo conosciuto da vicino, e molte delle esibizioni sono state sviluppate in relazione proprio ai territori dove avranno luogo.

israele

Ecco alcuni dei punti salienti dell’offerta di quest'anno:

Musica: il pianista israeliano e cantautore Shlomi Shaban aprirà il festival e lancerà il suo nuovo album nel più recente complesso di intrattenimento di Gerusalemme, la prima stazione ferroviaria appena aperta e ristrutturata (23 maggio), e accogliendo ospiti speciali come Asaf Avidan, Berry Sakharof e Ninet Tayeb.

Per il concerto di chiusura del festival, Kaveret, una delle band più popolari di Israele di tutti i tempi, si esibirà nella Piscina del Sultano. Il festival darà spazio anche al 100° anniversario della Sagra della primavera di Stravinskij con un concerto festoso della Jerusalem Symphony Orchestra diretta da Frederick Shazlan.

Altri spettacoli musicali includono New Gospel Quintet di Don Byron, e di un progetto musicale, intitolato Città Santa, eseguito sullo sfondo delle mura della Città Vecchia da parte del Coro dello Stato della Lettonia e Hortus Musicus, diretti da Andres Mastonen.

La stazione ferroviaria di Furst a Gerusalemme ospiterà poi: il musicista israeliano Daniel Zamir che suonerà con Nino Bitton, un nuovo complesso con Shlomo Bar, Riff Cohen e un concerto per tutte le età caratterizzerà le canzoni di Yonatan Geffen.

Danza: Dressed to Dance è una performance pensata per valorizzare gli aspetti unici della Torre di Davide, dove avrà luogo. Si tratta di una mostra di flamenco, con costumi provenienti da Madrid, alcuni anche disegnati da Dalì e Picasso, con l'accompagnamento di musica dal vivo.

I coreografi israeliani Sharon Eyal e Guy Behar con la loro compagnia di danza LEV presenteranno Housen, una versione pensata proprio per essere accolta alla Hansen House, sede della ex Colonia di Lebbrosi di Gerusalemme, nel quartiere Talbiya.

L'edificio, costruito nel 1887, è famoso per la sua aria di mistero. I coreografi descrivono la loro temporanea presa in carico della ex colonia di lebbrosi come una conquista delle "normali" prospettive sociali rispetto alla lebbra, ai lebbrosi e agli "altri".

Ci saranno poi altri spettacoli di danza del Festival d’Israele, e, tra gli altri, il Grand Theatre de Geneve, che si esibisce in Israele per la prima volta, l'Emmanuel Gat Dance Company che eseguirà i Goldlandbergs in collaborazione con la compagnia di ballo di Tel Aviv; la prima mondiale di un nuovo lavoro di Rami Be'er eseguita dal Kibbutz Contemporary Dance Company, e un assolo di danza intitolato Mr. Nice Guy dal coreografo Anat Grigorio.

Teatro: gli spettacoli teatrali internazionali comprendono una performance in lingua inglese di Hideki Noda di The Bee, co-scritto da Hideki Noda e Colin Teevan. Ispirato agli eventi del 9 settembre 2001, lo spettacolo mette in scena la reazione furiosa di un uomo giapponese quando la moglie e il figlio sono presi in ostaggio.

La compagnia teatrale 1927 del Regno Unito si esibirà ne Gli animali e i bambini sono scesi in piazza, con musica dal vivo, performance, narrazione e animazione.

Blind Summit Theatre, fondato da Nick Barnes e Mark Down, si esibirà ne La tavola, in cui il protagonista Mosè, costruito in cartone, condividerà i suoi punti di vista sulla vita.

by @RondoneR - Foto | © by Rondone®

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 7 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO