Federalberghi annuncia il recesso nel turismo

Albergo e ristoranteUn comunicato stampa di Federalberghi segnala che la recessione sta colpendo anche il turismo. I dati sono stati presentati al convegno “Turismo-Trasporti-Ambiente per lo sviluppo economico dell’Italia” svoltosi venerdì scorso a Sanremo.

Nei primi nove mesi di quest'anno le presenze italiane e straniere negli alberghi del Belpaese sono state 209,4 milioni, il 2,5% in meno rispetto al 2007. In pratica una perdita secca di quasi 5,5 milioni di notti dormite, nonostante il mancato aumento dei prezzi del soggiorno.

Cosa succede allora? Bernabò Bocca, presidente della Federalberghi-Confturismo parla di recessione che sta colpendo anche questo settore, come prova il calo della componente turistica estera. E la questione Alitalia non ha certo aiutato l'immagine italiana.

“Occorre, dunque, - sostiene Bocca nel comunicato - che per ripartire l’Italia turistica si muova su due fronti. Il primo di natura finanziaria, con una manovra economica dalla quale ci aspettiamo ossigeno nei portafogli degli italiani. Il secondo di natura promozionale, in quanto dalla nuova dirigenza dell’Enit-Agenzia del Turismo auspichiamo che venga messa subito mano ad un ampio progetto di rilancio dell’Italia quale meta ambita a livello mondiale”.

  • shares
  • +1
  • Mail