Alaska in vendita

alaska meta a basso costo

L'Alaska è diventata una meta del turismo europeo a basso budget, visitata particolarmente da tedeschi e svizzeri. Questo affermano all'Associazione nazionale del turismo, grazie ad un dollaro molto indebolito ed al cambio relativamente sfavorevole per gli Europei che frequentavano il Canada, e che hanno deciso di spostarsi verso l'Alaska. Anche i turisti che atterrano all'aeroporto di Whitehorse in Canada, tipicamente entrano in Alaska nel giro di tre giorni e trascorrono fino all'85% delle proprie vacanze sulle strade tra Fairbanks e Anchorage.

E' lo stato americano più grande ed offre, durante l'estate, temperature accettabili, particolarmente al sud, una spettacolare natura e buone infrastrutture. Interessanti sono le mappe pubblicate sul sito dello Stato che evidenziano percorsi tematici per girare in automobile alcune aree dell'Alaska. Molti turisti europei scelgono la formula del fly & drive per visitare la regione e queste guide stradali sono un utile supporto per programmare il proprio itinerario.

Per farsi un'idea del costo di affitto di un camper o di un 4x4, l'agenzia Go North offre dopo il 25 agosto la locazione di camper "economy" a 169 dollari con chilometraggio illimitato. Per chi desidera organizzarsi dall'Italia, tra le possibilità offerte, Arctic Wild è specializzata nell'organizzazione di gruppi ristretti (di massimo 8 persone) per spedizioni o rafting da una settimana fino a 20 giorni.

Lo stato è raggiunto da molte compagnie aeree, una delle quali ha una politica molto aggressiva di tariffe, la Condor, che offre partenze dall'Italia per gli aeroporti internazionali di Fairbanks, Whitehorse o Anchorage. Il rischio è che presto questa compagnia possa alzare le tariffe per compensare gli alti costi del carburante, rendendo l'Alaska una destinazione un po' meno attraente.

Foto | Noel

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 4 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO