L'Anfiteatro di Arles in Provenza

anfiteatro arles


"Mamma, ma anche qui hanno il Colosseo?". Era un sabato di agosto quando siamo arrivati sotto l'anfiteatro di Arles, e caso ha voluto che fosse in programma una corrida, per cui non siamo riusciti ad entrare, in questo anfiteatro romano da 20.000 posti, molto ben conservato. Corride a parte, l'Anfiterato di Arles è visitabile tutti i giorni, pagando 6 euro per l'ingresso.

Un’ottima meta e uno splendido luogo dove trascorrere qualche notte può essere l’antica città di Arles. Abitato celtico colonizzato dai greci, Arles diventa romana con Giulio Cesare che nel 46 a.c. vi installa i veterani della VI legione. Una città ricca di storia e attrazioni importanti; non sono molte le città che possono vantare 7 monumenti tutelati dall’Unesco nel proprio centro storico! continua...

Naturalmente, visto che siamo in Provenza, la fioritura delle piante di lavanda è uno di quegli eventi da concedersi almeno una volta nella propria carriera di viaggiatori, per poter apprezzare i colori, gli odori e l’atmosfera eccezionale che pervade questo angolo della Francia meridionale... continua.

Non troppo lontano da Arles, si trova poi il caratteristico borgo medievale Les Baux, che vi consiglio, anche solo per partecipare allo spettacolo di Carrières de Lumières. Infine, ai più tecnologici, segnalo Monument Tracker, un'App utile per quando si gira senza guide cartacee, anche se da usare con moderazione, per non scaricare troppo velocemente lo smartphone.

Foto Wikimedia Commons/a>.

  • shares
  • +1
  • Mail