Portacomaro in Piemonte, il paese d'origine di Papa Francesco

Castello Portacomaro
Il nuovo Papa Francesco ha dovuto percorrere molta strada, dalla sua Cattedrale di Buenos Aires in Argentina, fino a piazza San Pietro a Roma, dove si è affacciato, dopo essere stato eletto Papa, guida spirituale (e materiale) di tutti i cattolici del mondo. Ma di strada ne hanno fatta tanta anche i suoi avi, partiti da Portacomaro, 2.003 abitanti in provincia di Asti.

Dire cos'è Portacomaro non è facile! Tecnicamente ed aridamente si può dire che Portacomaro è un comune della Provincia di Asti....Per chi lo ama Portacomaro è un piccolo Eden, il posto dove ci si sente "a casa", dove non si deve dimostrare nulla perché la gente ci considera per quello che siamo e non bada a quello che siamo diventati; il luogo dove tornare a comportamenti semplici e schietti, a gustare il piacere di una passeggiata lungo la quale tutti quelli che incontri ti salutano e ti chiedono della salute dei parenti, dove puoi dimenticare a casa l'orologio (il campanile mostra l'ora sui quattro lati, è visibile da tutto il paese e batte due volte ore e mezze ore), puoi dimenticare il portafoglio (tutti ti fanno credito), e fino a pochi anni fa potevi anche dimenticare le chiavi, perché nessuna porta veniva chiusa. Dal sito ufficiale del Comune.

Siamo nella terra del Grignolino, e nella sua bottega, gestita dalla Pro Loco, potete star sicuri che capirete perché è così famoso, e magari vi fare convincere a prender posto a tavola per assaggiare uno dei tanti risotti che cucinano da queste parti, preceduto da tanti antipasti, da non voler andare oltre al caffè e all'ammazza caffè.

E poi poche strade e case, protette dalle mura medievali, strette intorno alla chiesa di San Bartolomeo e quella di San Pietro, con davanti la campagna del Monferrato. Tante occasioni per visitarlo, dal 25 maggio con la Sagra dell'Anguilla e della Rana a Migliandolo, al 13-14 luglio con quella dell'Agnolotto, fino alla settimana dal 23 al 28 agosto, quando si festeggia San Bartolomeno

Foto di L'italia di Golosaria.

  • shares
  • +1
  • Mail