Da Wind e AirFrance le prime chiamate in volo

Vivianne Reding è il Commissario europeo alle telecomunicazioni ed è una inguaribile ottimista. Dopo aver dato il via libera all'entrata in commercio di servizi di telefonia mobile durante i voli aerei ha invitato le compagnie telefoniche ed aeree ad essere trasparenti e innovative e ha commentato dicendo che se i servizi dovessero avere costi esorbitanti non se ne farà nulla.

Wind è il primo operatore in Italia ad offrire il servizio e lo farà a partire dal 14 aprile su alcuni voli Air France. Il costo? 4 euro al minuto per telefonate in uscita, 2 euro in entrata e... 1 euro e mezzo per un sms. Che cosa ne penserà la Reding? Io penso che in effetti la proposta non brilli per convenienza. Allo stesso tempo credo che si tratti di tariffe determinate dalla fase pionieristica di queste tecnologie (tra l'altro fornite dall'operatore OnAir di Airbus) e che il loro successo e la concorrenza potranno determinare notevoli risparmi.

Ad ogni modo un pizzico di tristezza rimane: un altro dei pochi luoghi dell'atmosfera terrestre liberi da imbarazzanti suonerie se ne andato per sempre.

  • shares
  • Mail