I migliori e i peggiori aeroporti del mondo per i clienti eDreams

migliori aeroporti del mondo 2012

Anche quest’anno eDreams, agenzia di viaggi online leader in Italia, ha pubblicato la classifica dei 'Migliori Aeroporti del mondo 2012', stilata utilizzando i voti forniti dalle migliaia di clienti che si sono imbarcati lo scorso anno. Sotto trovate l'infografica.

I viaggiatori hanno espresso online i propri giudizi (da 1 a 5) su cinque categorie: shopping, comfort sale d’attesa, servizi bar e ristoranti. Ha vinto l’aeroporto di Bangkok (Thailandia) il cui nome ufficiale è Suvarnabhumi Airport (letteralmente Terra dorata). Apprezzato soprattutto per il comfort, la pulizia, l'accoglienza e la facilità di raggiungere il centro di Bangkok grazie ad un treno ad alta velocità.

Ma lo scalo thailandese è risultato essere il miglior aeroporto del mondo, cioè il primo nei giudizi di gradimento, anche per la sua linea unica, con la struttura a forma di onda, disegnato da Helmut Jahn. L'edificio più fotografato nell'anno su Instagram. L'estetica conta.

Al secondo posto, con un solo punto di differenza, c'è il Changi Airport (SIN) di Singapore, che era in terza posizione lo scorso anno. Sul podio mondiale anche il Chek Lap Kok Airport (HKG) di Hong Kong. L’aeroporto Incheon di Seoul, primo nel 2011, scende al quinto posto.

Il migliore scalo del mondo nella categoria shopping è l’aeroporto internazionale di Copenaghen Kastrup (CPH). Con un totale di 90 negozi, offre un’ampia scelta per acquisti di moda, accessori ed elettronica e possiede anche una delle più consistenti selezioni di prodotti duty-free.

Nei servizi di ristorazione, vince il Changi International Airport (SIN), a Singapore. 89 ristoranti, bar e caffetterie, per soddisfare tutte le necessità dei viaggiatori, dai vegetariani ai fast food. Alcuni ristoranti sono aperti 24 ore, ideali per coloro che volano di mattina presto o la sera tardi. Speriamo che qualcuno da noi prenda appunti.

L’attesa è un elemento fondamentale in uno aeroporto. Troppi a terra lo dimenticano. Ma chi viaggia se ne accorge. Il vincitore del 2012 in questa categoria è l’aeroporto di Tokyo Narita. I giapponesi sono i maestri di questa filosofia. Lo scalo della capitale nipponica dispone di molti servizi sia gratuiti che a pagamento, come poltrone su cui distendersi, docce, poltrone con massaggi, 22 sale delle compagnie aeree, stanze per il riposo da affittare in gruppi privati e una Silence Room, una speciale stanza dedicata a chi cerca il massimo silenzio durante l’attesa.

Fin qui i migliori, ma i peggiori? Eccoli qui. Indovinate chi compare nella black list, dei 10 peggiori aeroporti del mondo? Ci sono ben due aeroporti italiani. Ma se l’aeroporto di Firenze Peretola (FLR) può avere limiti comprensibili per la sua poca importanza, è l’aeroporto di Roma Fiumicino (FCO) a farci vergognare.

Chi vive a Roma, lo sa bene. Nonostante sia uno dei maggiori aeroporti d’Europa, il Leonardo da Vinci di Roma, più famoso come Fiumicino, ha ricevuto un punteggio severo dai clienti di eDreams. I punti neri dell’aeroporto di Fiumicino riguardano soprattutto la lunga attesa nel ritiro bagagli, quasi mai inferiore ai trenta minuti, l’atteggiamento poco professionale del personale aeroportuale e le lunghe code ai varchi di sicurezza (che solo ultimamente sono state spostate ed hanno una fila unica, come si conviene nel mondo civile).

Il peggiore in assoluto è comunque l’aeroporto senegalese di Dakar (DKR), che ha ricevuto lamentele per essere un piccolo aeroporto con pochissimi servizi, per la difficoltà di comunicare in inglese, per i prezzi alti dei taxi e per la mancanza di ufficiali di dogana nei primi voli del mattino, causa di lunghe code ed attese. Oltre a 4 europei, il resto degli aeroporti è uniformemente distribuito nei vari continenti: tre aeroporti sono americani, due africani e uno asiatico.

infografica edreams

  • shares
  • +1
  • Mail