La terra secondo Mirò in mostra al Palazzo dei diamanti a Ferrara

Rimarrà aperta fino al 25 maggio la mostra Mirò: la terra, allestita nello splendido Palazzo dei Diamanti di Ferrara, una delle più celebrate opere rinascimentali nella città degli Este, sede della Pinacoteca Nazionale. La mostra è aperta tutti i giorni dalle feriali e festivi compresi, dalla domenica al giovedì dalle 9.00 alle 20.00 e il venerdì e sabato dalle 9.00 alle 22.00 (intero 10 euro).

La mostra è dedicata ad un concetto particolare svolto dall'arte di Mirò, la terra che è stato importante nella sua produzione e che (leggo dal sito ufficiale della mostra):

Partendo dalla riflessione sulla terra, nelle sue più ampie accezioni e simbologie, Miró sviluppa, infatti, una serie di temi e filoni di ricerca che ricorrono in tutta la sua produzione: la rappresentazione del mondo rurale e contadino; il culto delle origini; l'attenzione ai temi della sessualità e della fertilità; l'interesse per la materia; i temi dell'aldilà e della metamorfosi; l'eterno susseguirsi di vita e morte.

Mirò è uno di quegli artisti, quelle personalità che non lasciano indifferenti. Davanti alle sue opere ho sentito tanto commenti entusiastici che stroncature assolute. Di certo il pittore e scultore spagnolo, catalano, ha avuto una grande influenza su alcune delle più importanti correnti artistiche del 900 come il surrealismo o come l'Informale, non venendone però mai assimilato grazie alla sua capacità di re inventarsi continuamente.

Il sito ufficiale della mostra.
L'opera di questo post si trova al MOM di New York ed è stata ripresa da wallyg.

  • shares
  • Mail