Libri e luoghi: l'abbazia di Melk e il nome della rosa

Se ricordate Adso, io giovane benedettino de Il Nome della Rosa, allora vi ricordate anche dell'abbazia di Melk, anche se il film è stato girato in un altro luogo.

Percorrendo la A1, la strada che collega Vienna a Linz e Salisburgo non potrete fare a meno di notare un cartello che indica un nome noto a chiunque abbia letto e si sia appassionato al romanzo di Umberto Eco "Il nome della rosa", ossia Melk. Chi non ricorda infatti il giovane novizio benedettino Adso da Melk protagonista del bestseller dello scrittore e semiologo di Alessandria?

Be', è successo poco tempo fa anche ad Elena di viaggiare per quelle strade e la curiosità è stata tale da indurla a fare una breve fermata per visitare l'abbazia benedettina di Melk. Poco o niente rimane della struttura medievale, infatti l'intero complesso è stato ricostruito nel corso del 1700 in stile barocco e restaurato e ulteriormente rimaneggiato di recente. L'abbazia, che oggi ospita una scuola e un museo, conserva tuttavia un certo fascino e diverse opere di rilievo come gli affreschi della chiesa dipinti da Rottmayr. Sul sito potete avere un assaggio dei suoi tesori attraverso questo tour virtuale.

Una curiosità: l'abbazia in cui è stato girato il film di Jean Jacques Annaud con Sean Connery nella parte di Guglielmo da Baskerville (e che nulla ha a che vedere con quella di Melk, da cui Adso, ormai anziano, racconta la storia) è il monastero cistercense di Kloster Eberbach nel Rheingau, in Germania, in cui, tra l'altro, si può partecipare a tour culturali ed enogastronomici. Ma alcune scene del film sono state girate anche in Italia, e precisamente a Rocca Calascio in Abruzzo.

Foto Wikimedia Commons.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 36 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO