Mangiare low budget a Londra, i take away di Yotam Ottolenghi

Viaggiatore ghiottone drizza le orecchie, la star del momento in quel di Londra è tale Yotam Ottolenghi che propone in città le sue prelibatezze grazie a ben quattro punti di ristoro. Ma facciamo un piccolo passo indietro per capire chi è questo chef superstar quarantatreenne di origine ebraica; un articolo dello scorso dicembre su niente meno che il New Yorker, dice che chi è nato nel Medioriente, quando è all'estero non può fare a meno di star lontano dalle ricette di casa e questo potrebbe essere uno dei segreti del suo successo. Un successo che pare, abbia cambiato in maniera tangibile il modo di mangiare e fare la spesa di molti londinesi; posto che la sua cucina non può essere ristretta dentro le definizioni di "etnica" o "fusion".

Questo anche perchè oltre a spignattare nei suoi ristoranti, Yotam tiene una seguitissima rubrica settimanale di food-style e ricette sul Guardian. E ora parliamo degli indirizzi di Londra:

  • a Kensington si va per un coffee è un dolce stile bakery, ci trovate anche insalate da urlo, ma qui è solo da asporto.

  • quello di Islington è invece un ristorante vero e proprio, che serve la migliore colazione della città secondo l'Observer, gettonatissimo per i brunch durante il weekend.

  • quello di Notting Hill è il primo che ha aperto, tempio dei piatti stagionali e a base di verdure e dei prodotti da panetteria chic, tipo la leggendaria torta al cioccolato da prendere con il tè delle 5, in modalità take-away.

  • Belgravia è l'ultimo arrivato, principalmente pasticceria, organizza anche servizi di catering per feste o vi manda via taxi la delikatessen preferita se proprio siete bloccati in riunione...
  • Da non perdere anche il libro di ricette Jerusalem che analizza il mix di influenze religiose e culturali dei piatti di questa città; è uscito lo scorso settembre ed è disponibile su Amazon, interessante anche perchè è scritto a quattro mani con il socio Tami, cresciuto come lui a Gerusalemme, ma nella parte araba e conosciuto trent'anni più tardi nella capitale inglese. L'amore per il cibo ha fatto il resto.

    • shares
    • Mail