Torino: inaugurata la nuova stazione di Porta Susa

Dopo 6 anni di lavori e 79 milioni di euro di investimenti la nuova stazione ferroviaria di Torino Porta Susa ha aperto le porte a viaggiatori e pendolari. L'inaugurazione di oggi, salutata da forti contestazioni No Tav, ha scoperto un grande edificio di acciaio e alluminio, con il tetto (le vetrate esterne si estendono per 19.400 metri quadri) che integra i pannelli solari e lascia passare la luce naturale, rinforzata da quella artificiale.

La stazione occupa una superficie di 37.000 metri quadrati, di cui 8.000 sono aree dei servizi tecnici e 7.700 di aree commerciali. All’interno del fabbricato ci sono anche 13.000 metri quadrati di aree pedonali. Nella galleria centrale del nuovo corpo stazione una stele, dedicata a Carlo Alberto, testimonia il ruolo di Torino nell’Unità d’Italia.

La nuova Stazione di Porta Susa sarà la principale stazione torinese per il traffico ferroviario regionale, nazionale, internazionale e per i treni ad Alta Velocità. Il nuovo scalo rientra nel progetto della Spina Centrale, buffo nome che indica un viale di 12 chilometri che corre da sud a nord, risultato dell’interramento della ferrovia che divideva in due la città.

Lungo il percorso, la Spina presenta una doppia carreggiata centrale di 6 corsie divise da una banchina con un filare di querce e controviali con aree parcheggio. Un nuovo sistema di illuminazione, differenziato per le varie zone, caratterizza e unifica l’intervento. Nel viale si snoda una pista ciclabile.


A Porta Susa è stata prevista una forte integrazione tra treni Fs/Trenitalia e la linea 1 della metropolitana automatica: i passeggeri non devono risalire al piano stradale e durante il trasbordo rimangono nel sottosuolo.

Questa la mappa della nuova stazione:

In alto (livello +1) saranno presenti le terrazze commerciali; al piano strada (livello 0) sono situati gli accessi alla stazione; al piano inferiore (livello -1) sono presenti le passerelle e i sovrappassi di collegamento con i binari e con i corsi Inghilterra e Bolzano; al piano dei binari ferroviari (livello -3), si accede alla stazione della metropolitana con il piano atrio, il piano mezzanino (livello -4) e il piano banchina (livello-5) dove corrono i treni. Da Corso Bolzano con l’ausilio di 3 ascensori e 5 scale mobili, l’ingresso e l’uscita dalla stazione metropolitana sono possibili direttamente dall’esterno del fabbricato di Porta Susa.

Via | La Stampa
Foto | Marmox.it

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail