Una gita a Koh Kred, un'isola vicina Bangkok

Koh Kred Relativamente ancora poca conosciuta, Koh Kred è un nome che inizia a circolare anche tra i turisti in visita a Bangokok, magari tra quelli di ritorno nella capitale della Thalaindia che, dopo aver visto quanto di meglio ha da offrire la città, decidono di andare oltre, magari con la speranza di visitare qualcosa di più autentico.

L'isola di Kred è tale, ossia è un'isola, da circa 300 anni, da quando fu costruito un canale che tagliava un'ansa del Chao Phraya, il grande fiume che attarversa Bangkok. L'isola non è grande, e una bella passeggiata a piedi, non prende più di due ore; l'alternativa è girare in bicicletta, anche perché qui non circolano automobili (in compenso ci sono diversi cani randagi).

Rimanendo sull'istituzionale (e\o culturale), sull'isola si possono visitare il Wat Poramaiyikawat, il tempio principale della comunità isolana vicino al molo dei traghetti, e l'adiacente piccolo museo, il Wat Poramaiyikawat, il Phra Wiharn, un Buddha di circa 10 metri, e il Kwan Aman, il museo della ceramica, forse il vero motivo che vi porterà qui.

Infatti Koh Kret è nota soprattutto per la propria produzione di ceramica, caratterizzata da uno stile che utilizza modelli ornamentali anche molto complicati. I prezzi variano molto, dai 5 bath che si pagano per i vasi più semplici e più piccoli, alle migliaia di bath per i grandi pezzi finemente decorati. Particolarmente popolare tra i turisti i porta candele e i porta incenso, con motivi ornamentali e fori, per far uscire all'esterno la luce o il fumo; questi in media costano 200 baht.

Da Bangkok ci si arriva con battelli turistici, forse il mezzo più veloce ma anche il più caro, 250–300 baht a persona. L'alternativa più economica è utilizzare i mezzi pubblici, ma in questo caso il viaggio dura di più; circa un'ora e mezza. Da considerare noleggiare un'auto fino a Nonthaburi, da dove parte il traghetto per l'isola.

Foto Nova031
Koh Kred

  • shares
  • Mail