L'incontro coi gorilla della foresta impenetrabile di Bwindi

gorilla di montagna nkuringo bwindi

Rientrata da qualche giorno in Italia, vorrei raccontarvi una delle esperienze più straordinarie che possano accadere nelle foreste dell'Africa equatoriale, ovvero l'incontro ravvicinato con un gruppo di gorilla di montagna nel loro ambiente naturale. I gorilla di montagna sono purtroppo una specie in pericolo di estinzione a causa del bracconaggio, delle malattie e della deforestazione: ne rimasti meno di 700 tra i confini di Uganda, Ruanda e Repubblica Democratica del Congo. Forse ne avrete sentito parlare alla fine di luglio quando sono stati uccisi diversi esemplari nel parco dei Vulcani, ma anche pochi giorni fa ci sono stati degli scontri a fuoco nella zona del Virunga. Oltre ai pericoli legati all'ambiente anche l'instabilità politica di alcune zone non gioca a favore della salvaguardia di questa specie.

Un paio di settimane fa ho avuto la fortuna di effettuare un trekking nel parco nazionale di Nkuringo, nel Bwindi Impenetrable National Park (un nome un programma!), dove, dopo quattro ore di sali e scendi nelle splendide montagne ugandesi, ho incontrato un'intera famiglia di gorilla. Vedere a così breve distanza tutte queste meravigliose creature così simili a noi, dai giovani al possente silverback, mentre si spostano, riposano, mangiano piante di banano selvatico e ti guardano coi loro occhi interessati, è davvero una cosa che faccio fatica a descrivere. Si ha proprio l'impressione di avere a che fare con esseri assolutamente coscienti della situazione: il 96% di dna che abbiamo in comune si legge tutto nei loro sguardi!

Il trekking di Nkuringo siembra sia uno dei più faticosi della regione (lo posso testimoniare personalmente, con 8 estenuanti ore di cammino su e giù per le ripide montagne tra Uganda e Congo R.D. e persino una compagna di viaggio portata via in lettiga dai portatori per crampi), ma dà l'occasione di ammirare, oltre ai gorilla nel fitto della foresta, dei paesaggi estremamente affascinanti, le colline verdeggianti, i villaggi, le piantagioni di tè e di banane, le cime maestose dei vulcani. Prima di iniziare il gorilla tracking, si percorre in matatu (lo scalcinato mezzo di trasporto pubblico in Uganda) una strada dissestata lungo la quale, nella nebbia dell'alba, si riconoscono le sagome rosate delle montagne. Poi, in gruppi di 8 persone più le guardie forestali, si attraversano le piantagioni di tè e i villaggi fino al primo guado, armati di zaino con abbondante acqua e provviste. Quando infine si raggiunge il luogo dove i tracciatori hanno individuato i gorilla (che ovviamente si spostano di giorno in giorno) ci si immerge nel più totale silenzio, interrotto soltanto dalle loro voci e dal frusciare della foresta sotto i loro (e i nostri) passi. Qui spesso il pendio è talmente scosceso che si è costretti a scivolare trovando appiglio nella folta vegetazione. E poi, con negli occhi le immagini indimenticabili di queste creature selvagge, si risale infine sulla montagna per ore e ore prima di raggiungere la base.

La foto proviene dal mio album personale che sto provvedendo ora ora a caricare sul web.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO