Riapre il 7 marzo 2013 il Capitolium di Brescia

Il tempio capitolino di Brescia
Guardate questa fotografia, e ditemi dove siamo? Al Foro romano di Roma? Pompei o Sicilia? Siamo più in alto, giù al nord, a Brescia. Brixia, nata celtica, diventata romana, tanto da conservare ancor oggi resti del foro romano, del tempio Capitolino, di un teatro e di una basilica romana. Una volta di più, se ce ne fossimo dimenticati, del grande patrimonio culturale che abbiamo a disposizione in Italia, senza dover andare a cercare in giro per il mondo.

Il Capitolium o Tempio Capitolino è un tempio romano situato a Brescia in Piazza del Foro, lungo via dei Musei, il nucleo dell'antica Brixia romana. Insieme al teatro e ai resti del foro cittadino costituisce il più importante complesso di rovine e resti di epoca romana presenti in Lombardia. Wikipedia.

Il prossimo 7 marzo del 2013, è prevista la riapertura del Capitolium restaurato, occasione che darà lustro alla campagne ideata dal Comune, "Ha la testa nell'arte". A partire da quella data, la splendida area archeologica del Capitolium, simbolo di fortissimo fascino, verrà riaperta con un nuovo percorso museale, sia nell'allestimento delle antiche sale, sia nelle innovative modalità di comunicazione, frutto delle più moderne tecnologie, con una installazione multimediale (spero che sia qualcosa di simile a quanto realizzato dalla provincia di Roma a palazzo Valentini). Per l'occasione "gli antichi Dei tornano nella loro casa". Nel tempio restaurato verranno infatti ricollocati gli altari e le effigi delle divinità che duemila anni fa qui venivano venerate.

Una grande occasione per mettere in mostra le novità emerse in questi ultimi anni dalle indagini archeologiche e dagli studi specialistici, come pavimenti in marmi colorati del I secolo d. C., arredi dell'antico tempio, e sculture. La dimostrazione, che i soldi spesi per la cultura (in questo caso dal Comune di Brescia, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia, e dalla Fondazione Brescia Musei, Fondazione ASM e Arcus Spa), sono spesi bene.

Vedi anche i siti archeologici Longobardi protetti dall'UNESCO, e i 10 castelli più visitati d'Italia, tra i quali quello di Sirmione.

Foto | Marco Assini.

  • shares
  • Mail