Alla ricerca di Psirri il cuore pulsante di Atene

Psirri.grDopo tre anni di vacanze consecutive in Grecia, con doverosa tappa ad Atene, sentivamo che la città non poteva essere tutta li. Che non poteva risolversi tutto in una passeggiata alla Placa o in una sigaretta fumata ai piedi del Partendone, sulla rupe che domina la metropoli più grande del Paese. Ci doveva essere un posto in cui questa magnifica città svelava la sua vera anima greca, dove pulsava il suo cuore caldo e musicale. Sapevamo che c’era, ma non sapevamo dove fosse.

Una sera di quattro anni fa, armati dei più bellicosi intenti ci siamo messi in moto a piedi. Punto di partenza una viuzza vicino a Omonia, destinazione ignota. Così, senza meta abbiamo vagato per un po’ dalle parti del mercato delle pulci, di giorno souk variopinto, la sera quartiere dedito più che altro alla gastronomia. Abbiamo accuratamente evitato di spingerci verso il centro turistico e ce ne siamo andati in giro un bel po’, attraversando a tratti stradine buie e desolate a tratti il fiume di turisti.

D’improvviso, poi, li abbiamo visti.

Due ragazzi, giovani, una coppia di ateniesi, vestiti tranquilli ma carini, allegri, chiacchieravano tra di loro in modo gioioso. Ci siamo guardati e abbiamo deciso: seguiamoli! Ci hanno inconsapevolmente guidato in un dedalo di viuzze, attraverso passamanerie chiuse, ferramenta ultraspecializzati e tappezzieri, tutti con le serrande abbassate. Abbiamo anche avuto il tempo di dubitare se stessimo seguendo le persone giuste, ma poi ad un tratto, una svolta, e si è aperta davanti a noi la festa. Eravamo nel cuore di Psirri. Finalmente!

Bar con tavolini sui marciapiedi, abili suonatori di bouzouki accompagnati da cantanti di passaggio, cani, gatti, taverne, giovani e vecchi tutti insieme a bere ouzo, birra, a ridere, a ballare per strada. Una festa vera e propria, invitati tutti. Benvestiti, malvestiti, svestiti, anziani, ragazzi, punkabbestia e poeti, artisti e turisti, senza distinzioni, senza pregiudizi. In poche parole, Atene come l’avevamo sempre immaginata.

Per maggiori info su Psirri (o Psyrri), dall’ultima volta che ci sono stata hanno aperto un sito Internet con qualche buon indirizzo, ma il mio consiglio resta uno solo, andate, seguite chi vi sembra giusto e godetevi la festa!

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: