Vecchi tram

Ci sono luoghi sparsi nel modo che conservano nelle loro caratteristiche l'antico e il nuovo, il sacro ed il profano, e perchè no, anche il bello e il brutto, sebbene quest'ultima accezione potrà essere a ragione del tutto arbitraria. Ci sono tuttavia posti in cui si faticano a conservare i ricordi dei tempi passati.

Sono sempre rimasto affascinato, ad esempio, dai vecchi mezzi di trasporto, quelli che si possono ammirare in vecchi film del realismo italiano e che oggi sono completamente sostituiti da metropolitane senza conducente o da bus completamente ricoperti di adesivi pubblicitari.

A Roma, come in moltissime città italiane, sono cambiati colori, mezzi e soprattutto tratte. Approfittando di questo spazio per esprimere tutto il mio cordoglio per la morte di un grande della TV italiana come Gigi Sabbani, stroncato ieri da un infarto, ricordo con piacere una delle sue primissime performance che consisteva nell'imitazione del rumore caratteristico dei tram di una volta. Uno di questi era la famosa (almeno nella capitale) Esterna Sinistra o più comunemente "Circolare Rossa" , il cui nome era dovuto al suo colore completamente rosso.A Roma il primo tram venne innaugurato il 6 luglio 1890, in presenza del Re. La nuova tramvia andò a sostituire la vecchia tramvia a cavalli della Flaminia. Stava nascendo quella che fu per molti anni la rete tramviaria più estesa d'Italia. Con gli anni '50 e poi '60 ci fu il declino di questi mezzi, spesso sostituiti con la metroploitana e con i Bus.

E ormai sembra un ricordo troppo lontano quando le vecchie tramvie riuscivano a passare in vie strettissime come Via Condotti o in posti oggi inimmagginabili come Piazza Venezia o il Pantheon. Ci restano solo le tracce delle rotaie lì abbandonate. L'archivio fotografico ATAC (o ATAG) conserva numerose testimonianze del genere. Ci sono numerose città che hanno mantenuto per scelta i loro vecchi mezzi di trasporto. Penso a Lisbona, Rio de Janeiro e Londra, ma anche Milano ad esempio ha iniziato un lavoro di recupero e rivalutazione di antiche tratte tramviarie come la Milano-Desio. Ci sono musei dei vecchi tram in quasi tutte le città italiane. Come ad esempio il Parco Museo Roma-Ostiense o il Museo di Etnoscienza di Milano.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: