Dio maledica i designer che inventarono la valigia

Parliamo un attimo di valigie. In principio furono di cartone, ok, ma poi arrivarono le rotelle, un'innovazione importante, molto. Epperò, le rotelle, per tanti lunghissimi, interminabili anni, vennero sempre messe nel posto sbagliato: sul lato corto.

Nel frattempo l'uomo andava sulla luna, inventava l'aria condizionata e la pentola con lo scolapasta incorporato. Eppure gli aeroporti di tutto il mondo continuavano a brulicare di una innervosita umanità che ogni 10 metri vedeva la propria valigia entrare in oscillazione, destra, sinistra, destra e cadere poi finalmente sul lato, mandando in torsione la leva (che prima o poi si sarebbe rotta) e devastando i nervi fragili dei viaggiatori.

Poi i designer (della CIA forse?) un giorno spostarono le ruote dal lato corto al lato lungo. Non serviva un nuovo Enrico Fermi per arrivare ad un intuizione del genere, eppure i designer aspettarono proprio quel giorno per capire che maggiore è la distanza fra due rotelle, maggiore è la stabilità della valigia. L'innovazione fu così radicale che il termine valigia non bastava più a riflettere il senso di questo nuovo contenitore mobile e fu necessario un nuovo nome: trolley.

Morale: l'uomo inventò la ruota nel V millennio AC, ma ne impiegò altri sette per capire come spostare una valigia efficacemente. Un mistero che forse solo a Designerblog potrebbero spiegarci.

foto | Shelter

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: