I 10 bar letterari più famosi al mondo

Caffè a ParigiProprio l'altro ieri, su MTV dopo Scrubs, ho visto un promo di Fabio Volo per il suo nuovo programma, Italo-Francese; nel promo Volo interpretava il turista "intelletuale", che a Parigi passava tutto il giorno in un famoso bar, meglio dire cafè come il Les Deux Magots cafe di Parigi qui ripreso da artandscience, leggendo e scrivendo (o meglio facendo finta di...).

E oggi, girando per il web, ho trovato questa classifica, un pò strana, ma che secondo me è simpatica, sui 10 bar letterari più famosi al mondo. La notorietà in questo caso non deriva tanto dalla bellezza del bar quanto dalla preferenza accordata a questo da famosi scrittori o giornalisti. Chissà quante pagine sono state scritte in questi bar, e quante trame sono nate nelle atmosfere dense di fumo e alcool di questi bar.

Di seguito riporto la classifica per come è stata stilata da Forbes Traveller.

White Horse Tavern, New York, frequentato tra gli altri da Allen Ginsberg e Jack Kerouac.
Algonquin, New York, preferito da giornalisti come Dorothy Parker che scriveva per Vanity Fair.
Heinold's First and Last Chance Saloon, Oakland, California, dove si recava Jack London nei suoi anni di studio.
Harry's New York Bar, Parigi, dove è stato creato il Bloody Mary e dove si recavano regolarmente Sinclair Lewis ed Ernest Hemingway.
Bar Hemingway at the Ritz, Parigi, che ha aggiunto al proprio il nome del suo più famoso frequentatore.
Ye Olde Cock Tavern, Londra, la taverna preferita da Charles Dickens.
Davy Byrnes, Dublin, dove James Joyce ha scritto alcune pagine del suo Ulisse.
Eagle and Child, Oxford, dove J.R.R. Tolkien discuteva dei suoi Hobbiti con C.S. Lewis
Long Bar al Raffles Hotel, Singapore, frequentato da Joseph Conrad e Rudyard Kipling
10° Floridita, Havana, Cuba, frequentato da Tennessee Williams e dal solito Ernest Hemmingway.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: