Dieci cose da fare in Basilicata a cui forse non avete pensato

Basilicata

Adoro la Basilicata, i suoi luoghi ancora incontaminati, le strade interne difficili da percorrere che lasciano la regione isolata dalle folle di turisti urlanti, il silenzio che si riesce a sentire quando cala il sole. Visito spesso la Basilicata per questo, e ci sono dieci cose di cui proprio non si può fare a meno (per me) quando si va in quel lembo di terra incastonato tra Puglia, Campania e Calabria. Eccole:


  • Esplorare Craco vecchia
    Una delle più famose cittadine fantasma d'Italia, di cui vi abbiamo già parlato, suggestiva e ricca di spunti artistici e fotografici.
  • Fare una passeggiata ai laghi di Monticchio
    Sono laghi vulcanici, incastonati nell'Appennino meridionale - per la precisione nell'antico vulcano del Monte Vulture. La zona è circondata da boschi che si dice fossero usati da Federico II come riserva di caccia. In quei boschi, storicamente più accertata, è la fuga di Crocco al secolo Carmine Donatelli, il brigante "patriota" di Rionero che lottò contro la dominanza dei piemontesi. Dagli inizi degli anni 70 i laghi sono riserva naturale.
  • Assistere alla ricostruzione storica del Parco della Grancia
    La storia del brigante Crocco è il centro della ricostruizione storica del parco della Grancia, grande riserva nei boschi di Brindisi di Montagna dove poter passare una giornata tra spettacoli (burattini, falconeria etc), animali e cine spettacolo davvero maestoso.



  • Visitare le dolomiti lucane
    Ovvero quel territorio che da Pietrapertosa porta a Castelmezzano, così chiamato perché a differenza del restante territorio della Basilicata è caratterizzato da montagne a "roccia nuda" che ricordano tantissimo le dolomiti. Proprio qui tra i due paesi potrete anche fare l'esperienza del Volo dell'Angelo.
  • Mangiare da Federico Valicenti alla Luna Rossa
    Osteria ormai simbolo della Basilicata, Luna Rossa è gestita dal patron-chef Valicenti, che ripropone una ricerca storica delle tradizioni culinarie lucane, impiattando prodotti tipici e raccontandoli ai commensali. Ambasciatore della cucina lucana, Valicenti ha il ristorante in quel di Terranova di Pollino: isolato paese in cima al monte Pollino che vi offrirà dei panorami mozzafiato.
  • Seguire le orme di Federico II
    Oltre nei boschi in cui sempre vi è una leggenda che narra sue battute di caccia, Federico II ha lasciato in Basilicata diverse costruzioni da visitare. Il Castello di Melfi fu ristrutturato e ampliato dall'imperatore e da quelle mura promulgò le leggi del diritto feudale, le "Costitutiones Augustales", il castello di Lagopesole (dove si svolge anche uno spettacolo a riguardo) fu una residenza di caccia usata sopratutto dal figlio Manfredi, ed ancora palazzi e castelli, chiese e torrette, che si trovano ovunque tra il Vulture, Lavello e Palazzo San Gervasio.
  • Scoprire la storia di Venosa e l'Aglianico del Vulture
    Città che ha dato i natali al poeta latino Quinto Orazio Flacco, Venosa ha una ricca storia archeologica visitabile facilmente in città. Tra anfiteatri e domus, terme romane e basiliche paleocristiane si torna indietro nel tempo. Nel centro del paese è anche conservata la casa di Orazio e l'imponente castello Del Balzo Orsini. Se siete a Venosa fatevi anche un giro per cantine: qui si produce un vino favoloso, l'Aglianico del Vulture.

  • La cantina delle "Cantine del Notaio"
    La casa vinicola Cantine del Notaio è annoverata tra i migliori produttori della Basilicata, ma anche d'Italia. Nella sua sede principale a Rionero in Vulture è possibile - su appuntamento - visitare le cantine sotterranee che raccontano la storia dell'Aglianico e la storia della stessa cittadina. Un'esperienza davvero unica, da provare.
  • Attraversare le coltivazioni di cereali
    La Basilicata è terra ricca di coltivazioni di cereali, che ne caratterizzano una gran parte del paesaggio a nord, quello che confina con il centro-nord della Puglia. Facendo una passeggiata in questi luoghi a fine giugno la sensazione di immenso, con tutto il giallo delle spieghe al vento, sarà davvero unica.


  • Sciare sulla Sellata
    Sono diverse le piccole piste da sci che propone la Basilicata, ma una che frequento spesso, quando la neve le permette di essere aperta, è quella della Sellata. Non è grandissima, ma può far passare una simpatica giornata con gli amici essendo adatta anche ai principianti.

Naturalmente, oltre questi dieci consigli non perdetevi i "must see", quelle cose che bisogna per forza vedere se si scende nella misteriosa Basilicata, ovvero: i Sassi di Matera, la costa e le grotte di Maratea, gli scavi di Metaponto e Policoro, il parco nazionale del Pollino e le numerose riserve naturali.

Foto | Manila Benedetto

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: