A Roma Fiumicino l'aereo ritarda, e il passeggero spintona il pilota

Spiaggia di Apella a Karpathos
L'aereo tarda ad arrivare, un'ora e mezza il ritardo, i passeggeri vengono fatti salire a bordo, probabilmente sono molto nervosi, ma si consolano per l'imminente decollo. Decollo che però non arriva, perché il capitano annuncia un ulteriore ritardo nella partenza, quasi tre ore, e chiede ai passeggeri di scendere.

I passeggeri non capiscono, sono arrabbiati, ma iniziano a scendere, tranne uno, un cinquantaduenne con la sua famiglia, che decide di non voler scendere; è troppo arrabbiato. Arriva il comandante, il capo assoluto sull'aereo, per risolvere la situazione, e far scendere il passeggero. Probabilmente è anche molto stanco, perché alle ore di volo, si sono aggiunte quelle di attesa.

La situazione non si risolve, anzi degenera in una lite, spintoni, forse anche qualche colpo. E allora arrivano le forze dell'ordine, fanno scendere il passeggero, il comandante si fa medicare (una contusione al polso per aver urtato il portellone), e denuncia il fatto. Ma alla fine, l'aereo riesce a partire, ed i passeggeri (probabilmente non quello che ha causato l'incidente) alle 17:30 sbarcano a destinazione.

E' accaduto ieri a Roma Fiumicino, su un aereo della Blue-Panorma diretto a Karpathos, Scarpanto in italiano. Il volo era previsto che partisse alle 10:05, partenza effettiva alle 15:15, a causa del ritardo con cui l'aereo è arrivato da Pantelleria (oltre un'ora e mezza, causa scarsa visibilità alla partenza) e dell'improvvisa chiusura dell'aeroporto di Scarpanto, che ha riaperto alle 17:30. Primo volo ad atterrare quello della Blue-Panorama proveniente da Roma.

Via Agi
Foto della spiaggia di Apella Wikimedia Commons

  • shares
  • Mail