Allo studio nuova Direttiva UE sulla sicurezza in aeroporto

Si parlava qualche giorno fa di che postacci sono diventati gli aeroporti americani. Ma tempi duri per chi non ama le intromissioni nella propria privacy e i database globali sembra si prospettino anche per i viaggiatori degli aeroporti europei. In effetti sotto la guida del Commissario Frattini, l'UE sta elaborando un'articolata Direttiva sulla sicurezza aeroportuale che dovrebbe essere attuata dagli stati membri entro il prossimo anno.

La principale novità è rappresentata dal fatto che le compagnie aeree dovranno comunicare alle autorità di sicurezza, con un certo anticipo prima della partenza del volo, la lista dei passeggeri. Questa lista verrà incrociata con i database in possesso delle autorità di intelligence che elencano tutte le persone del mondo sospettate di vicinanza o appartenenza agli ambienti terroristici.

Si tratta di una misura, quella della previa comunicazione della lista passeggeri, già in vigore per voli in direzione USA, Canada, Australia.

Nel frattempo sembra che a breve, nonostante le proteste delle compagnie aeree, le misure di sicurezza in vigore in Gran Bretagna saranno estese a tutti i paesi europei. Staremo a vedere. Intanto l'Enac il 13 settembre ha prorogato fino a data da destinarsi le misure di sicurezza introdotte il 31 agosto (divieto di imbarcare bagaglio a mano contenente liquidi gel e aerosol). Confermata la disposizione delle autorità britanniche sulle dimensioni del bagaglio a mano: 45cm x 35 cm x 16 cm. In pratica le dimensioni di una valigetta ventiquattrore.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: