La Regione Sardegna contro le recensioni di Booking.com

is arenas biancasDetta così sembra che la Regione Sardegna, attualmente governata da una coalizione del Pdl e movimenti autonomisti sardi, si sia mossa contro la libertà e lo scambio di informazioni sulla rete, e forse, da un certo punto di vista, è proprio così. Ma in effetti, l'intenzione dell'assessore al Turismo, Luigi Crisponi, è quella di contrastare le idee discriminatorie, che possono offendere determinate categorie di persone, in questo caso gli omosessuali.

"Stop alle recensioni discriminatorie...Ferma restando la libertà' decisionale del portale nel pubblicare le recensioni degli utenti, riteniamo offensivo ed eticamente scorretto pubblicare recensioni che rechino commenti discriminatori nei confronti di qualsiasi genere di utenti...rimuovere informazioni discriminatorie verso la dignità degli individui e la libertà di orientamento sessuale dei turisti che vengono graditi ospiti in Sardegna, nonché lesive nei confronti delle strutture ricettive che li accolgono",

queste alcune delle dichiarazioni.

Foto | emmequadro61

Ma cos'è accaduto di così grave, da far scendere in campo l'assessore? E' accaduto che su Booking.com, uno dei più importanti portali di prenotazioni alberghiere, sia stata pubblicata una recensione, forse, offensiva. Come riporta La Nuova Sardegna, una coppia di turisti, lasciando una recensione su di un hotel a 4 stelle, si lamentava della presenza, a loro dire, di troppi gay in hotel: "Il personale di servizio estremamente scortese sin dall'inizio mi ha subito fatto intuire lo spirito dell'hotel. Preferenza per coppie gay che spopolavano nella hall dell'albergo come rondini a primavera. La Sardegna offre molto meglio".

Si potrebbe liquidare facilmente la questione, come esempio della libertà della rete, libertà che garantisce a tutti di esprimersi, anche a chi ha atteggiamenti offensivi verso altre persone, se non fosse che si tratta di un sito molto visitato, che le recensioni hanno un innegabile impatto economico, che comunque, ancor oggi, il rispetto per tutte le persone, senza alcuna discriminazione, è un valore da difendere e diffondere.

Purtroppo non sono riuscita a ritrovare la recensione in questione, ma dagli stralci riportati dalla Nuova Sardegna, il commento è sicuramente discriminatorio, ma, anche se molto ironico, non mi sembra offensivo (imho, ma forse perché non mi sento parte in causa). E allora, non si potrebbe dire che la recensione (commento sulle rondini a parte) ha diritto di esistere perché oggettiva? Anche se siamo tutti adulti, tolleranti, progressisti, etc...magari ci può tornare utile sapere che tipo di clientela frequenta un certo hotel. Magari desidero tranquillità, ed un hotel frequentato soprattutto da giovani, non fa al caso mio.

Certo, supponendo che la clientela in maggioranza avesse un certo orientamento sessuale, sarebbe stato preferibile un altro tipo di recensione, più corretta, più neutrale, ma non possiamo aspettarci che tutti siano avvezzi alle regole delle netiquette. Se per qualcuno, l'orientamento sessuale delle persone è ancora motivo di disagio, perché non farlo presente? Se possiamo pretendere rispetto per tutti, non possiamo imporre preferenze e stili di vita, a nessuno.

Detto che a questo punto mi aspetterei una risposta alla recensione da parte della proprietà dell'hotel (ma forse già c'è), personalmente non mi avrebbe dato fastidio che l'hotel fosse fosse frequentato da omosessuali; cosa accade in camera mia sono fatti miei. Personalmente mi infastidisce l'esibizionismo in pubblico di certe coppie, ma questo vale per tutti gli orientamenti sessuali, anche quelli dagli eterosessuali, quindi.

E poi ho tante altre preferenze, per cui non amo il naturismo, non mi piace la "caciara", non mi piacciono gli ambienti troppo snob, etc..., ma poi mi "ripiglio", e penso che è un problema mio, e che per fortuna la Sardegna è così grande, così bella, che se questa mucca è riuscita a trovare un posticino a Is Arenas Biancas, anche io, che sono così "Furio" con le mie preferenze, riuscirò a trovare un hotel che fa al caso mio, in Sardegna.

Via AlGuer.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: