Stati Uniti, la leggendaria Route 66 nella lista dei siti da salvare

La Route 66 è stata inserita National Trust for historic preservation nella sua lista 2018 degli undici siti Usa più a rischio.

LEXINGTON, IL - JUNE 13:  A gate blocks off a closed section of historic U.S. Route 66 June 13, 2007 outside Lexington, Illinois. Sections of the old road near the town have been turned into a park and walking and biking trails. Route 66 opened in 1926 stretching from Chicago to Los Angeles and became a western migration route for people looking for work during the great depression of the 1930's or to escape the Dust Bowl disaster. Later it offered vacation getaways and driving adventures until 1985 when it was decommissioned as a federal highway. Due to neglect and commercial development Route 66, the first highway to connect the Midwest with the West Coast, has recently been added to the biennially compiled list of the world's most endangered landmarks by the World Monuments Fund and the National Trust for Historic Preservation's yearly list of the 11 most endangered historic places in America.  (Photo by Scott Olson/Getty Images)

Percorre la Route 66 e attraversare gli Stati Uniti è uno dei viaggi più amati a mondo. Si toccano ben otto Stati partendo da Chicago, Illinois, per raggiungere Los Angeles, California, arrivando sino al molo di Santa Monica, per un totale di 3755 km. Tra le tappe più suggestive che punteggiano il viaggio 'on the road' il Painted Desert (Deserto dipinto), il Grand Canyon e il Meteor Crater in Arizona.

Purtroppo questa strada, oltre a essere stata presa d’assalto dai turisti, è diventata un’arteria dominata da centri commerciali e fast food, come il Red Giant Hamburgs a Springfield, Missouri, che fu il primo drive-in, ed il primo McDonald's a San Bernardino. L’incuria e lo sviluppo economico selvaggio hanno causato degrado e deterioramento e così è stata inserita National Trust for historic preservation nella sua lista 2018 degli undici siti Usa più a rischio.

L’obiettivo è quello di nominarla strada storica nazionale (è stata inaugurata nel 1926) per poterla proteggere a dovere. Ovviamente la burocrazia anche in America ha i suoi tempi: prima il Senato deve approvare una legge e Trump deve firmarla, entro la fine dell'anno. Ci riusciranno? Per il Presidente potrebbe essere l’occasione di unire il Paese e l’opinione pubblica, perché gli americani amano moltissimo questa lunga strada che rappresenta la loro storia.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 17 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail