Alla scoperta del Madagascar con Luca Bracali!

Alla scoperta del Madagascar con Luca Bracali.

Il Madagascar è uno stato africano dell'Oceano Indiano, uno stato insulare per l'esattezza, che ricopre il quarto posto tra le maggiori isole al mondo (più grandi sono solo la Groenlandia, la Nuova Guinea ed il Borneo) ed è anche uno dei luoghi più cari al nostro amico esploratore e fotografo Luca Bracali, che ha voluto concederci in esclusiva gli scatti di uno dei suoi ultimi viaggi.

Un posto come il Madagascar offre ai visitatori la possibilità di immergersi in scenari che difficilmente potrà dimenticare. Sono infatti le sensazioni e le emozioni ciò che rimane di un viaggio, esse vanno a costituire un patrimonio interiore che nasce dal contatto con un mondo diverso, caratterizzato da paesaggi suggestivi ed esseri viventi che non si possono vedere in nessun altro luogo. E' proprio per questo che tale terra è stata scelta da Bracali come meta fissa per i suoi viaggi.

Un luogo pieno di vita



La più importante delle peculiarità che contraddistinguono il Madagascar è proprio la biodiversità: nell'isola è presente il 5% delle specie animali e vegetali del mondo, tra cui figurano i maestosi baobab, lemuri, camaleonti ed una grandissima quantità di specie di rane. L’80% di queste specie sono endemiche, ossia esclusive di questo territorio.

Le bellezze paesaggistiche



Per i visitatori è tappa obbligata il Parco Nazionale Tsingy di Bermaha, Patrimonio dell'Unesco con i maestosi "tsingy" e le 430 diverse specie botaniche che vi risiedono. La riserva naturale integrale copre una superficie di 853 km² ed è attraversata dal corso del fiume Manambolo.

Tsingy" in lingua malgascia vuol dire "ago" e non pare esserci termine migliore per definire queste suggestive formazioni calcaree a guglia di origine carsica e modellate nel tempo dagli agenti atmosferici, che possono raggiungere altezze di centinaia di metri. Le origini di questo parco risalgono al passato geologico del posto: queste regioni erano in epoche passate dei fondali marini che, quando le acque nel corso dei millenni si sono ritirate, si sono rivelati sotto forma di un'immensa placca di coralli e conchiglie accatastate, dallo spessore di oltre 200m.

Altro luogo famosissimo è la cosiddetta "allée des baobabs", un viale disegnato da una fila di baobab il cui tronco può raggiungere i 25-30 metri d'altezza e superare i 3m di diametro. Si tratta di esemplari di Adansonia Grandinieri, una delle 6 specie endemiche di baobab presenti sull’isola fra le 8 che esistono in tutto il mondo. In lingua locale il baobab è denominato “renala” - madre della foresta - ed occupa un posto centrale nelle religioni epicore: questi alberi sono considerati dimora di spiriti e sono oggetto di venerazione a tal punto che molti presentano contenitori per le offerte votive alle loro basi.

Spostandoci sulla costa orientale dell'isola incontriamo Belo sur Mer, la preziosa baia dalle acque turchesi e color smeraldo, regno dei Vezo, una delle 18 etnie che vivono attualmente nel Madagascar.

La gente del posto


Un altro valore immenso del visitare il Madagascar risiede nel conoscere le culture locali, interagire con esse e partecipare alla loro vita. A Belo Sul Mer si possono incontrare oltre ai Vezo anche i Salakava, genti dedite alla pesca molto ospitali ed accoglienti che vivono in capanne provvisorie costruite con rami e canne. Sono abili navigatori e si avvalgono di piroghe in legno a bilanciere con vele quadre, spesso dipinte con colori sgargianti.

Il Workshop fotografico del 2018



Nel ringraziare Luca Bracali per la sua disponibilità a rilasciarci interviste sempre entusiasmanti sui suoi viaggi ed a concederci scatti meravigliosi, è doveroso spendere qualche parola sul workshop fotografico che sta organizzando per il periodo che va dal 6 al 20 agosto 2018. Gli appassionati che parteciperanno potranno entrare assaporare ogni aspetto del Madagascar oltre che apprendere le numerose tecniche fotografiche richieste dalla quantità di situazioni che si possono incontrare: street photography, ritratto, fotografia notturna e perfino subacquea! Il workshop si articolerà in un percorso di due settimane che, partendo dalla capitale malgascia Antananarivo, toccherà tutte le località viste finora e ci catapulterà dall'intensità e la bellezza del Grand Tsingy al puro relax della spiaggia di Nosy Be.

bracali-madagascar-3.jpg

  • shares
  • +1
  • Mail