Natale a Londra, cosa vedere: la casa-museo di Dickens

Uno dei racconti sul Natale più celebre al mondo è “Christmas Carol”, di Charles Dickens. La storia narra come la notte di Natale l’avaro Ebenezer Scrooge viene visitato da 3 spiriti, quello del Natale passato, presente e futuro. Un racconto sulla povertà e sullo sfruttamento che ogni anno cerca di richiamare tutti allo spirito autentico del Natale, che è – o almeno dovrebbe essere – pace, amore e solidarietà.

Per immergersi appieno nello spirito della novella di Dickens, quale modo migliore se non visitare la sua casa? La casa-museo di Charles Dickens si trova infatti a Londra ed  è dove l’autore visse e scrisse molte delle sue opere.

L'edificio si trova al 48 di Doughty Street, una stradina tranquilla nel quartiere di Bloomsbury, non lontano dalla fermata metro di Russel Square; in stile georgiano, la casa sembra essersi fermata nel tempo. Qui lo scrittore visse assieme alla moglie Catherine e ai tre maggiori dei suoi dieci figli e qui scrisse capolavori come “Oliver Twist”, “Il circolo Pickwick” e “Nicholas Nickleby”. La caratteristica di questo grazioso villino cielo-terra, a differenza di altre case-museo di personaggi famosi, è che qui non si celebra solo l'illustre scrittore, con i suoi libri i vestiti, il mobilio, ma un'intera epoca, e dunque le abitudini quotidiane di metà Ottocento. Dagli utensili in cucina alla biancheria, alla cristalleria in sala da pranzo agli abiti appesi in camera da letto, l’atmosfera vi sembrerà talmente reale che penserete che la casa è ancora abitata dal signor Dickens e famiglia.

La casa-museo di Dickens è stata realizzata grazie ad un lavoro di restauro costato 3,1 milioni di sterline, provenienti in gran parte dai proventi dell'Heritage Lottery, la lotteria nazionale britannica che raccoglie fondi per i beni storico-artistici.  Con l'aiuto di specialisti e studiosi del patrimonio letterario, i lavori di restauro hanno consentito di riportare al suo originale splendore l'edificio storico che Dickens prese in affitto per tre anni, a 80 sterline l'anno ed è l'unica abitazione "superstite" fra le residenze londinesi in cui egli abitò.

Non solo: in occasione dell'uscita del film “Dickens - L'uomo che inventò il Natale” il museo ospiterà un mostra dal titolo “A ghost of an idea: unwrapping a Christmas Carol”, che racconta la genesi di “Canto di Natale”. Il pezzo forte dell'esposizione sono alcuni sketch originali che il cartoonista John Leech aveva disegnato per la prima edizione del libro, nel 1843.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 16 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO